verstappen,-la-presa-di-posizione-e-categorica:-“e’-un’idiozia-totale”

Verstappen, la presa di posizione è categorica: “E’ un’idiozia totale”

Dall’entourage di Max Verstappen arriva la netta presa di posizione su un argomento che sta molto a cuore alla Formula 1: “Idiozia totale”

In pista Max Verstappen vive un momento d’oro: tre vittorie nelle ultime quattro gare, con il terzo posto di Montecarlo che gli ha comunque consentito di allungare in classifica.

Max Verstappen
Max Verstappen © LaPresse

Ce n’è di che sorridere soprattutto pensando a come era iniziata la stagione con i due trionfi di Leclerc e il doppio ritiro del campione del Mondo nei primi tre GP. Ora il pilota della Red Bull si è preso la leadership e ha intenzione di tenersela fino al termine del campionato. Intanto però c’è un altro argomento che impazza nel paddock e che può creare qualche malumore negli stessi piloti. Un argomento che sembra aver diviso il circus e che potrebbe generare non poche polemiche.

Da una parte i top team, dall’altra le scuderie minori, in mezzo il budget cap che quest’anno limita le possibilità di spese. Le scuderie principali premono per innalzarlo, portando come argomento a favore l’aumento dei costi degli ultimi mesi. ‘Lo fanno soltanto nel loro interesse’ in sintesi la replica delle altre squadre. A prendere posizione è anche Raymond Vermeulen che esprime in maniera netta il proprio parere su una questione parallela, il possibile tetto salariale per i piloti.

Verstappen, il manager contro il budget cap

Verstappen
Verstappen © LaPresse

Il manager del pilota campione del mondo, parlando  a ‘De Telegraaf’ ha espresso la sua contrarietà all’introduzione di un tetto salariale per i piloti: “E’ un’idiozia totale”. Il suo ragionamento parte da un assunto: “I piloti aumentano il valore di una squadra: un team lo può sfruttare all’infinito. Al pilota però da cui compri quel valore, imponi un limite: questo è il mondo alla rovescia“.

Un mondo alla rovescia anche perché a parlare sono i fatti e Vermeulen fa un esempio concreto: “Concentriamoci sui fatti: un GP è tornato in Olanda grazie a Max. Zandvoort paga una cifra annuale per organizzare la gara. Questa cifra – continua il manager – è distribuita in gran parte alle squadre che quindi ne traggono beneficio. Così sarebbe strano se si dovesse limitare il guadagno di un pilota“.

No secco ai limiti di ingaggio per i piloti da parte del manager di Verstappen: giudizio che arriva, naturalmente, da una parte in causa, ma che trova sponde anche nella Red Bull. Una discussione che si preannuncia bollente nelle prossime settimane.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.