samsung-presenta-i-nuovi-pieghevoli:-galaxy-z-fold3-e-z-flip3-a-un-prezzo-accessibile

Samsung presenta i nuovi pieghevoli: Galaxy Z Fold3 e Z Flip3 a un prezzo accessibile

Ben poche novità, almeno rispetto alle indiscrezioni diffuse nei giorni scorsi, per i nuovi prodotti di Samsung. Ampiamente previsti e delineati precisamente nei cambi di design, grazie alle foto dei leaker online, la compagnia coreana ha ufficializzato oggi i suoi Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3.

Si tratta delle nuove generazioni dei telefonini pieghevoli che già nei mesi precedenti hanno riscosso parecchi pareri positivi, nonostante prezzi ancora fuori portata per molti. Ma da oggi le cose cambiano.

Il modello ‘a conchiglia’ adesso presenta uno schermo esterno più grande, e dunque più utile. Dal punto di vista estetico, il Fold3 è praticamente identico al fratello più vecchio, nonostante non manchino degli importanti elementi di differenziazione. Tra tutti il supporto alla S Pen (due in realtà) e una fotocamera interna ‘under display’, interamente nascosta sotto il grande pannello da 7,6 pollici. Samsung è la prima azienda al mondo a piazzare un sensore del genere in un prodotto.

Come è fatto lo Z Fold3

Cominciamo proprio dal Fold ‘originale’, il telefono che si apre a mo’ di libro. Da chiuso, continua ad ospitare un pannello da 6,2 pollici, quindi molto simile a quello di tanti smartphone tradizionali, solo un po’ più stretto. Questa volta la frequenza di aggiornamento è di 120 Hz adattiva, il che si traduce in transizioni molto più fluide. Il pannello interno, da esteso, misura 7,6 pollici, sempre con refresh rate adattivo a 120 Hz. Il lavoro di ingegnerizzazione di Samsung ha permesso alla terza generazione di perdere qualche grammo, passando dai 282 gr del Fold2 ai 271 gr del Fold3.

 

Merito anche del chip Exynos di nuova generazione, realizzato con processo produttivo a 5 nanometri, che aumenta potenza ed efficienza ma in un formato più piccolo e, quindi, più leggero.

Il lato fotografico

Laddove già il Fold2 beneficiava di un comparto fotografico niente male, il Fold3 migliora ulteriormente la situazione, con tre sensori posteriori. Il principale è da 12 megapixel ultra wide, al quale se ne affianca uno da 12 megapixel wide angle e un terzo, ancora da 12 megapixel, per le telefoto. Quest’ultimo ospita anche la stabilizzazione ottica, il FoV, e lo zoom ottico, fino a 10x. Sotto le fotocamere c’è il flash LED.

 

Sullo schermo esteriore c’è una ‘cover camera’ da 10 megapixel mentre per i selfie effettuati con il pieghevole aperto, ecco la selfie cam ‘under display’ da 4 megapixel. Non una qualità eccelsa, sicuramente, ma siamo agli albori della tecnologia che consente di nascondere il sensore sotto il vetro, così da non farlo vedere per nulla. La tecnologia si traduce, finalmente, in un’esperienza di visione del grosso pannello senza elementi di distrazione per lo sguardo e un appagamento reale per la lettura e la visione di contenuti multimediali.

Il supporto alla S Pen

Sapevamo già quanto Samsung ci tenesse ad estendere il supporto alla S Pen a tanti altri dispositivi. Anzi, la mossa è stata confermata dalla scomparsa, ufficiosa ma adesso chiara, della famiglia dei Galaxy Note. Non ci riprenderemo mai così facilmente dalla dipartita ma la volontà della compagnia coreana è quella di sostituire i Note con i Fold. Per questo, solo per il Fold3, arriva il supporto alla S Pen in due versioni.

 

La prima è una ‘edition’ creata apposta per il pieghevole e che funziona solo con questo. Non ha il Bluetooth e si comanda così come la S Pen lanciata a inizio anno per il Galaxy S21 Ultra. C’è da dire che potremmo anche provare ad utilizzare quest’ultima sul pannello del Fold ma Samsung ci dice che c’è il rischio che questo si rovini.

Scusa di marketing o meno, chi vorrà dovrà dunque acquistare questo pennino a parte o propendere per la sua versione più potente, la S Pen Pro. Ciò che la differenzia dalla prima è la presenza del Bluetooth e l’opportunità di interagire anche a distanza, con le funzionalità Air Action. Queste consentono di utilizzare il player multimediale, così come scattare foto o far partire la registrazione dei video e molto altro. Vista la presenza del Bluetooth, la biro Pro è compatibile con tutti i precedenti dispositivi Samsung dotati di S Pen.

Le caratteristiche dello Z Fold3

  • Display esterno: 6,2 pollici
  • Display interno: 7,6 pollici
  • Processore: Exynos/Snapdragon octa-core a 5 nm
  • Ram: 12 GB
  • Memoria: 256/512 GB
  • Fotocamere posteriori: 12 MP ultra wide + 12 MP wide angle + 12 MP telephoto
  • Fotocamera anteriore: 10 MP F2.2
  • Fotocamera interna: 4 MP under display F1.8
  • Rete: LTE, 5G
  • Batteria: 4.400 mAh
  • Extra: Android 11, S Pen support, sensore impronte
  • Colori: Phantom Black/Green/Silver

Le caratteristiche dello Z Flip3

  • Display esterno: 1,9 pollici
  • Display interno: 6,7 pollici
  • Processore: Exynos/Snapdragon octa-core a 5 nm
  • Ram: 8 GB
  • Memoria: 128/256 GB
  • Fotocamere posteriori: 12 MP ultra wide + 12 MP wide angle
  • Fotocamera interna: 10 MP Selfie Camera F2.4
  • Rete: LTE, 5G
  • Batteria: 3.300 mAh
  • Extra: Android 11, sensore impronte sul lato, cover dedicate
  • Colori: Cream, Green, Lavanda, Phantom Black, Gray, White, Pink

Come è fatto lo Z Flip3

Come detto, la differenza principale qui è nello schermo esterno, che diventa una porzione molto più utile di quella minuscola, del primo Z Flip. Oltre alle notifiche, qui si può accedere a molte più altre informazioni, ovviamente in maniera ridotta, che riducono le aperture ‘inutili’ dello smartphone. Cresce anche la dotazione fotografica, con due sensori da 12 megapixel e così la durevolezza del dispositivo, grazie alla presenza di alluminio più duro lungo tutta la cornice. Così come il vetro del Fold3 anche quello dello Z Flip3 è un Corning Gorilla Glass Victus, il primo su un telefono Galaxy e, secondo Samsung, il più resistente della gamma.

 

Restano ovviamente tutte le ottimizzazioni già viste lo scorso anno, come le app che si adattano automaticamente al doppio schermo, quando piegato. Questo permette di usare meglio la fotocamera, con il dispositivo poggiato su una superficie o leggere i commenti e i testi su YouTube mentre in alto viene riprodotto il video. Lo schermo esterno viene inoltre sfruttato per avere un’anteprima dello scatto di foto o la registrazione di filmati.

Per personalizzare ulteriormente il pieghevole a conchiglia, l’azienda ha lanciato anche una gamma variegata di custodie che sicuramente i giovani apprezzeranno.

 

Ma non è tutto

Samsung ha presentato due ulteriori dispositivi: il Galaxy Watch4 e le Galaxy Buds2. Lo smartwatch arriva in due versioni, con o senza ghiera rotabile. Contiene ancora i sensori di pressione arteriosa, ossigeno nel sangue, battito cardiaco ed ECG ma adesso riesce anche a determinare meglio il sonno e la composizione corporea di chi lo indossa, in collaborazione con la nuova app Samsung Health.

 

La novità è nella presenza di Wear OS, al posto di Tizen. Questo vuol dire poter installare tutte le app preferite dal Play Store, come Google Pay, così da avere una maggiore continuità con lo smartphone Android. Tant’è vero che appena si installa un’app sul telefono, se esiste una controparte per Wear OS, questa verrà caricata in automatico sul Watch4.

Per quanto riguarda le Buds2, sono una via di mezzo tra le prime Live e le Buds classiche, con un design minimalista e una serie di novità hardware interessanti. La cancellazione attiva del rumore è tra queste, così come i due speaker dinamici e l’ANC che elimina il rumore fino al 98% dell’ambiente circostante. Hanno tre microfoni, di cui uno dedicato a ‘ripulire’ la voce durante le chiamate.

Prezzi e disponibilità

Il Galaxy Z Fold3 parte da un prezzo di 1.849 euro. Il Galaxy Z Flip3 invece ha un cartellino che parte da 1.099 euro. E questa è davvero una bella notizia. Galaxy Watch4 Classic (con la ghiera) ha un prezzo di partenza di 369 euro mentre il Galaxy Watch4 parte da 269 euro. Infine le Galaxy Buds: 149 euro in bianco, grafite, lavanda e oliva. Tutti disponibili dal 27 agosto.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *