rifiuti-urbani,-europa-ancora-lontana-dall’obiettivo-2030

Rifiuti urbani, Europa ancora lontana dall’obiettivo 2030

Il piano d’azione dell’Unione europea per l’economia circolare mira a dimezzare entro il 2030 la quantità di rifiuti urbani che non vengono riciclati nell’UE. Secondo un briefing pubblicato recentemente dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA), il raggiungimento di questo obiettivo richiede sia la riduzione della produzione di rifiuti sia un aumento considerevole del riciclaggio. Possibilmente anche oltre l’obiettivo vincolante posto al 60% per il riciclo.

Il contesto

I rifiuti urbani comprendono i rifiuti prodotti dalle famiglie e quelli provenienti da altre fonti simili per natura e composizione ai rifiuti domestici, ad esempio da piccole imprese commerciali e istituzioni pubbliche. I rifiuti urbani rappresentano il 27% del totale dei rifiuti, esclusi i principali rifiuti minerali, prodotti nell’UE. Trattandosi di un complesso mix di materiali — riciclabili e non riciclabili, pericolosi e non pericolosi — richiede una buona gestione, ma questa è influenzata da molteplici fattori socio-economici e politici.

La politica dell’UE in materia di rifiuti è guidata da una gerarchia dei rifiuti in cinque fasi, introdotta nel 2018 dall’UE co una direttiva quadro. Questa gerarchia dà priorità alla prevenzione della produzione dei rifiuti, seguita dal riutilizzo, dal riciclaggio e da altre forme di recupero, con lo smaltimento (compreso il conferimento in discarica) come ultima risorsa.

Nonostante i miglioramenti nella gestione dei rifiuti determinati da varie politiche e obiettivi dell’UE in materia di rifiuti, dal 2015 non è diminuita la quantità di rifiuti generati, né totali né residui. Pertanto, sono state sviluppate nuove politiche e sono ora in fase di attuazione per promuovere i rifiuti azioni di gestione ai livelli superiori della gerarchia dei rifiuti. Questi includono il Green Deal europeo, il piano d’azione per l’economia circolare 2020 e la direttiva quadro sui rifiuti.

Il briefing dell’AEA, “Reaching 2030’s residual municipal waste target – why recycling is not enough“, analizza le recenti tendenze dei rifiuti urbani nell’UE in prospettiva del raggiungimento di due obiettivi chiave in materia di rifiuti:

  • almeno il 60% dei rifiuti urbani prodotti dovrebbe essere preparato per il riutilizzo o riciclato (direttiva quadro sui rifiuti), un obbligo vincolante che deve essere soddisfatto da ciascuno Stato membro dell’UE individualmente.
  • i rifiuti urbani residui (non riciclati) dovrebbero essere ridotti della metà (piano d’azione per l’economia circolare e piano d’azione per l’inquinamento zero), un impegno non vincolante che dovrebbe essere raggiunto a livello dell’UE

Mentre il primo obiettivo è relativo (cioè riciclare una quota definita di rifiuti urbani), il secondo è un obiettivo assoluto (cioè ridurre i rifiuti residui di una quantità definita), e quindi i due sono collegati dalle quantità di rifiuti urbani generati.

Negli ultimi 5 anni, la quantità di rifiuti residui è rimasta relativamente stabile nell’UE, circa 113 milioni di tonnellate. Questo perché i tassi di riciclaggio e la quantità di rifiuti prodotti sono aumentati più o meno allo stesso ritmo. Nel 2020, circa il 48% dei rifiuti urbano nell’UE è stato riciclato.

Come raggiungere entrambi gli obiettivi

Se si continuerà a produrre rifiuti con questo ritmo, l’UE dovrebbe riciclare circa il 72% di rifiuti per raggiungere l’obiettivo di dimezzare la quantità di rifiuti urbani residui (quelli non riciclabili) entro il 2030. In alternativa, l’obiettivo potrebbe essere raggiunto riducendo di circa un terzo la quantità di rifiuti prodotti e raggiungere il tasso di riciclaggio del 60% in tutti gli Stati membri dell’UE. Questo è quanto emerge dall’analisi dell’AEA.

Il raggiungimento del tasso di riciclaggio del 72% richiederebbe un miglioramento significativo dei sistemi di raccolta dei rifiuti e delle infrastrutture di riciclaggio, nonché una riprogettazione diffusa dei prodotti di consumo per facilitarne il riciclaggio, si legge nel briefing dell’AEA. Tuttavia, i maggiori benefici per l’ambiente deriverebbero dalla prevenzione della produzione di rifiuti. Ciò richiederebbe, ad esempio, un aumento della durata di vita dei beni di consumo e un forte sostegno al riutilizzo dei prodotti.

Dare priorità alla prevenzione della produzione dei rifiuti

La prevenzione della produzione di rifiuti è un obiettivo di lunga data delle politiche dell’UE in materia di rifiuti e tutti gli Stati membri dell’UE hanno dovuto sviluppare e aggiornare regolarmente programmi di prevenzione dei rifiuti dal 2013. Tuttavia, non vi è stato alcun effetto diretto o misurabile dell’ampia adozione di programmi di prevenzione dei rifiuti a livello di UE, in quanto le quantità di rifiuti urbani prodotti sono effettivamente aumentate. Sulla base di queste osservazioni, l’ambizione di ridurre di un terzo la produzione di rifiuti urbani nel prossimo decennio richiederebbe agli Stati membri dell’UE di ripensare immediatamente le proprie politiche di prevenzione dei rifiuti e di attuare misure di ampia portata rivolte a un’ampia gamma di aspetti di prevenzione, dalla progettazione di prodotti alla promozione del riutilizzo.

Ci sono però indicazioni che in futuro verranno attuate politiche più rigide in materia di prevenzione dei rifiuti. I paesi europei hanno recentemente rivisto i loro programmi spostando l’attenzione da strumenti basati prevalentemente sull’informazione e sulla sensibilizzazione, verso misure normative o economiche, che dovrebbero aumentare presto l’efficacia della prevenzione dei rifiuti.

Inoltre, a livello UE, molte delle azioni e misure del piano d’azione per l’economia circolare, adottate nel 2020, dovrebbero sostenere la prevenzione dei rifiuti urbani. L’iniziativa sui prodotti sostenibili, quelli relativi al “diritto alla riparazione” e l’impegno della Commissione europea a proporre obiettivi di prevenzione dei rifiuti per flussi di rifiuti specifici, compresi i rifiuti alimentari, sono alcuni dei più rilevanti. Tuttavia, sebbene gli obiettivi vincolanti abbiano dimostrato il successo nel promuovere una migliore gestione dei rifiuti, attualmente non ne esistono per la prevenzione dei rifiuti a livello UE.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.