“prop.-performance-sull’alterita”,-al-teatro-acropolis-uno-spettacolo-dedicato-al-corpo

“Prop. Performance sull’alterità”, al Teatro Acropolis uno spettacolo dedicato al corpo

Il tema è il corpo. Lo svolgimento è di Francesca Pedullà e Sabrina Marzagalli, a cura di Myelin Zone. La loro ricerca ha dato origine allo spettacolo “Prop. Performance sull’alterità”, che venerdì 6 maggio 2022 (ore 20.30) sarà presentato in prima nazionale al Teatro Akropolis (Sestri Ponente, via Mario Boeddu 10) all’interno della Stagione della riapertura, dopo i lavori di ristrutturazione. Al pubblico viene offerta l’occasione non solo di assistere all’esibizione inedita, ma anche di scoprire la trasposizione cinematografica di un precedente lavoro, “Soliloquio a due”, e infine di parlare con le protagoniste nell’incontro “Limiti che rivelano”.  

La serata si apre con “Prop. Performance sull’alterità”. In scena c’è Francesca Pedullà, interprete e autrice della coreografia concepita insieme a Sabrina Marzagalli sulla musica originale di XU Circle – Alessandro Bartolena, con il supporto di TFK Berlin, Accademia di Belle Arti di Genova e Teatro Akropolis. Insieme al corpo della danzatrice in scena c’è una panca di legno. Tutto ruota intorno alla relazione fra un corpo umano e un corpo non umano. Identità e alterità si rinviano l’una all’altra mentre nascono un nuovo corpo e una nuova percezione dello spazio. Il lavoro racconta di questa relazione/trasformazione, dei corpi prima dell’incontro e dei corpi nell’incontro, attraverso la sinergia o l’attrito tra coreografia, proiezioni e ambienti sonori. Cosa racconta un corpo messo in relazione? Come lo si può guardare? Qual è il limite fra me e te? Dove inizio io? Dove finisco? Dove cominci tu? Come annullare il confine? Come renderlo visibile? Che cosa vuol dire collaborare? Chi muove chi?

La performance dal vivo è seguita dalla proiezione della trasposizione cinematografica di “Soliloquio a due”, primo lavoro del collettivo Myelin Zone curato da Sabrina Marzagalli e Francesca Pedullà. Racconta la storia biografica di un corpo come soggetto e insieme oggetto di esperienze, di cura e di pratica. Lo studio anatomico diventa uno strumento di inchiesta creativa per interrogarsi su quali siano gli strati visibili e invisibili che compongono un corpo e le sue rappresentazioni. Gli ambienti sonori di Alessandro Bartolena (XU Circle), creati in dialogo con il corpo vivo in scena, afferiscono, accompagnano, sottolineano le sensazioni legate alla percezione del corpo umano.

Infine, Sabrina Marzagalli e Francesca Pedullà nell’incontro “Limiti che rivelano” condivideranno le premesse e il processo che hanno dato vita al loro primo lavoro, “Soliloquio a due”, e che continuano a nutrire la loro ricerca. Ci racconteranno di come lo studio apparentemente freddo e limitante dell’anatomia possa divenire un portale creativo. L’anatomia in questo senso può essere vista come una scienza dell’essere, un’indagine sulle strutture che condizionano i limiti di un corpo ma che costituiscono anche la persona, uno stato dinamico, espressivo e trascendente, un archivio di memorie e aspettative antiche e recenti.

BIOGRAFIA

Myelin Zone è uno spazio per l’incontro e il confronto di diversi linguaggi artistici e dei loro segni di base. Lo studio anatomico diventa uno strumento creativo e si trasforma in poesia somatica attraverso movimento, immagini, suono e video. Francesca Pedullà e Sabrina Marzagalli si incontrano e approfondiscono la loro conoscenza fra il 1998 e il 2010 all’Accademia di Belle Arti di Genova dove Francesca, danzatrice, ha posato come modella vivente per le lezioni di rappresentazione del corpo tenute da Sabrina. Entrambe attratte dal potenziale creativo nella commistione dei linguaggi artistici, condividono la fascinazione per lo studio del corpo e della persona. Nel 2016 fondano il collettivo Myelin Zone in collaborazione con Alessandro Bartolena XU Circle (progetto elettronico musicale) e Federica Guglieri e Beatrice Testa (fotografia).

Gli eventi si svolgono nella piena ottemperanza delle normative anti Covid-19.

È obbligatorio indossare le mascherine FFP2.

Per informazioni sugli eventi:

Tel. 329.1639577

biglietteria@teatroakropolis.com

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.