oliveti-aperti,-la-liguria-celebra-l’olivicoltura-eroica-da-ponente-a-levante

Oliveti Aperti, la Liguria celebra l’olivicoltura eroica da Ponente a Levante

Si terrà nel fine settimana del 18-19 giugno 2022 la seconda edizione di “Oliveti Aperti”, l’evento nazionale realizzato dal Consorzio di tutela dell’Olio DOP Riviera Ligure, in collaborazione con la Fondazione Qualivita, e il supporto della Regione Liguria per coinvolgere cittadini e turisti nelle tradizioni dell’olivicoltura eroica ligure. Ospite d’eccezione il comico ligure Dario Vergassola che accompagnerà il racconto sul campo, alla scoperta dei segreti di uno dei prodotti d’eccellenza del territorio, e la visita a luoghi e simboli storici come i ‘muretti a secco’, Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2018.

E’ con questi obiettivi che le 28 aziende socie del Consorzio di Tutela, dislocate lungo tutta la Liguria, da Ponente e Levante, offriranno ai turisti numerosi tipi di esperienza all’insegna dell’olio DOP e del suo territorio. Tra le diverse tipologie di esperienze, percorsi di trekking e bike, visita oliveti e frantoi, degustazioni olio DOP e prodotti tipici, itinerari di arte e cultura, laboratori didattici ed eventi culturali ed enogastronomici.

Molte le novità dalle aziende di questa edizione: tra queste si va dall’Agriconcerto, ai laboratori di erboristeria, dall’Aperitolio fino ai Concerti Jazz passando per la lezione di bioenergetica e abbraccio degli alberi. A queste si aggiunge uno straordinario percorso di trekking nel Parco Nazionale delle Cinque Terre lungo il circuito di Manarola alla scoperta del paesaggio agricolo tradizionale. Grazie alla Regione Liguria anche Liguria Gourmet e i ristoranti aderenti daranno il proprio appoggio attraverso l’iniziativa “Pane e Olio” che animerà i dieci giorni precedenti Oliveti Aperti con assaggi di olio DOP.

Grazie al Consorzio di tutela e all’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche saranno inoltre inaugurati 13 inediti “Cammini dell’olio Riviera Ligure DOP” da percorrere a piedi tra gli storici paesaggi olivetati della regione accompagnati da guide esperte, prima di degustare i prodotti tradizionali proposti dalle aziende.

A raccontare questa seconda edizione sarà un selezionato gruppo di giornalisti nazionali e internazionali impegnati in un press tour dedicato alla scoperta degli oliveti e dei frantoi delle aziende del Consorzio, ma anche dei principali elementi culturali della zona di produzione dell’olio Riviera Ligure DOP.

Per promuovere l’evento il Consorzio di Tutela ha realizzato, oltre ad una importante campagna di comunicazione digitale, tre importanti momenti: la promozione al Giro d’Italia con un punto informativo in collaborazione il Ministero delle politiche agricole e Origin Italia; una partnership con Eataly nei punti vendita di Milano e Torino durante le settimane dell’olio a cavallo tra maggio e giugno; ed infine a dal 1 giugno fino al 15 giugno, il bike tour “Aspettando Oliveti Aperti” che attraverso l’occhio attento del regista Leonardo De Mai racconterà tutte le aziende coinvolte nella manifestazione e le loro iniziative attraverso pillole video social e dirette radio direttamente dagli oliveti. Fondamentale anche la partnership con l’Agenzia “In Liguria”, che grazie ad un’azione capillare sul territorio, ha coinvolto numerosi operatori legati al settore turismo.

Il direttore Fondazione Qualivita Gianni Rosati ha detto: “Oliveti Aperti è la prima manifestazione che nasce dopo l’approvazione della legge sull’olio turismo del gennaio 2022. In Liguria abbiamo circa 30 aziende che fanno parte del consorzio di tutela Olio Riviera Ligure DOP che parteciperanno in questi due giorni aprendo i loro frantoi e facendo assaggiare l’olio DOP ai visitatori e faranno anche tantissime attività ricreative e naturali come percorsi assieme al mondo dell’enogastronomia, il trekking e assaggi nei vari borghi. Quindi una Liguria che anticipa quello che sarà il movimento turistico legato all’olio che avrà la stessa fortuna che ha avuto quello del vino quando è stata creata Cantine Aperte”. 

L’assessore al Turismo, ha commentato: “Una bellissima iniziativa per visitare gli oliveti e vedere il paesaggio dove le nostre famose olive taggiasche e non vengono coltivate e lavorate per estrarre il nostro oro giallo ovvero l’olio d’oliva. Questo per dimostrare che la Liguria non ha solo il mare ma anche un entroterra dove per poter degustare tutte le nostre prelibatezze tra cui la prima in assoluto che è appunto l’olio d’oliva”.

Durante l’iniziativa spazio anche all’approfondimento sui temi socio-economici con il contributo di Roberta Garibaldi, esperta di turismo e nuova amministratrice delegata di Enit – Agenzia nazionale del turismo. In programma infatti anche due eventi istituzionali organizzati dal Consorzio di Tutela per approfondire il tema del turismo dell’olio: un convegno sulla nuova legge sull’Oleoturismo, che si terrà a Genova il 17 giugno, e una tavola rotonda sul tema Turismo DOP insieme ad altre realtà DOP IGP italiane consolidate – Aceto Balsamico di Modena IGP (Acetaie Aperte), Asiago DOP (Made in Malga), Parmigiano Reggiano DOP (Caseifici Aperti) – per raccontare come le aziende possono valorizzare l’esperienza turistica della filiera certificata.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.