non-e-vero-che-sempre-meno-italiani-vogliono-fare-gli-oss,-il-problema-e-che-le-aziende-pagano-poco.

Non è vero che sempre meno italiani vogliono fare gli OSS, il problema è che le aziende pagano poco.

Un lettore ci scrive e dissente dai nostri precedenti servizi: “Non è vero che sempre meno italiani vogliono fare gli OSS, il problema è che le aziende pagano poco”.

Gentile redazione di AssoCareNews.it,

vi scrivo in merito ai vari articoli e alle varie interviste in cui si insinua che gli italiani disdegnino il lavoro di OSS e preferiscano fare altro.

È una narrazione totalmente fuorviante. Il motivo per cui le RSA, comunità alloggio e case di riposo hanno poco personale è da attribuire agli stipendi bassi offerti da queste strutture. Certamente, i contratti offerti spesso sono rispettosi della legge ed è proprio questo il problema. I CCNL spesso non garantiscono al lavoratore uno stipendio adeguato alla sopravvivenza. Sintomo che probabilmente i sindacati hanno remato più contro che a favore.

Sono un OSS anch’io e vivo in Sicilia, dove è abbastanza comune ricevere offerte da 600-700€ al mese, sette giorni su sette, full time, ovviamente con finti contratti part time. Ho inviato candidature in diverse regioni del Nord e ho ricevuto offerte da massimo 1150€ netti come previsto da CCNL. Considerando le spese di affitto, le spese relative all’automobile come polizza e carburante (le strutture chiedono spesso tassativamente di essere automuniti) avrei difficoltà a sopravvivere. Tutt’ora sto effettuando una ricerca lavorativa in tutto il Nord Italia e nonostante un centinaio di candidature inviate ho ottenuto poche e non proprio allettanti proposte. Inoltre, data la carenza di personale OSS, spesso ci ritroviamo a dover lavorare il doppio del dovuto mettendo a rischio la nostra salute. Molti colleghi hanno problemi seri alla schiena ad appena 40 anni.

Anche chi lavora nelle strutture pubbliche spesso deve andare avanti con rinnovi ogni tot. mesi con stipendi che sono del 30% più bassi di quelli offerti dalle strutture pubbliche di altri paesi europei in cui oltretutto si ottengono facilmente contratti a tempo indeterminato e con stipendi che sfiorano i 2000€ netti.

Che gli italiani non vogliano più fare certi lavori è una grossa menzogna. È vero invece che gli italiani non vogliono più fare certi lavori perché vogliono arrivare a fine mese senza affanni. Vale per gli OSS, come per i camerieri, i panettieri, gli operai e altri ancora.

Cordialmente.

C.A., lettore

NB: Chiedo l’anonimato in caso di pubblicazione della lettera.

L’articolo Non è vero che sempre meno italiani vogliono fare gli OSS, il problema è che le aziende pagano poco. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.