mini,-prima-auto-a-guida-autonoma:-i-dettagli-della-vision-urbanaut

Mini, prima Auto a guida autonoma: i dettagli della Vision Urbanaut

Un teaser apparso sui canali social della Mini anticipa il debutto del concept Vision Urbanaut: la prima Auto a guida autonoma del marchio

Mini
Mini (Foto: Getty Images)

Dopo aver mostrato le immagini digitali del veicolo nei mesi scorsi, Mini presenterà il concept fisico della Vision Urbanaut il prossimo 30 giugno. Si tratta di un monovolume elettrico che avrà tutti i tratti distintivi del marchio inglese all’esterno, mentre l’interno sarà una sorta di “salotto” configurabile a seconda delle esigenze dei passeggeri.

Questo prototipo segnerà due novità assolute: sarà il primo minivan e il primo veicolo a guida autonoma realizzato dalla Casa britannica. Di recente, l’azienda ha pubblicato sui propri canali social una foto che mostra il posteriore della Vision Urbanaut.

LEGGI ANCHE >>> Mini Vision Urbanaut, l’Auto del futuro: guida autonoma e non solo

Mini Vision Urbanaut, il minivan a guida autonoma: un “salotto” all’interno e non solo

Con questo progetto, Mini ha reinterpretato il concetto di Auto del futuro, immaginando, e realizzando fisicamente, una monovolume elettrica a guida autonoma con un abitacolo che ottimizza gli spazi. Nello specifico, il marchio ha immaginato tre diversi “Mini Moments“, cioè una serie di circostanze in cui il veicolo può essere utilizzato dai passeggeri.

Il primo, standard, si chiama Wanderlust ed è caratterizzato da due sedili anteriori e due posteriori più piccoli; poi c’è la variante Chill, che prevede una sorta di sala relax con sedile anteriore girevole di 180° e le sedute posteriori che si uniscono componendo un divano. Infine, è presente la configurazione Vibe, che è molto simile alla precedente, ma con la possibilità di aprire il parabrezza quando la vettura è ferma.

Da menzionare, infine, lo speciale sistema di illuminazione della Vision Urbanaut, che prevede luci Led in grado di adattarsi alle circostanze di guida sia all’interno che all’esterno.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *