KIEV – Uno dice: «I comandanti non sono qui con noi». E dove sono, domanda l’amico. «A distanza di sicurezza», e ride, ma c’è poco da ridere sul fronte di Kherson, se le cose vanno davvero così. Ci sono alcune intercettazioni recenti, telefonate tra soldati russi, e tra soldati e la Russia, diffuse dal servizio segreto ucraino Sbu.