mali-d’america.-una-fotografia-spietata

Mali d’America. Una fotografia spietata

Dove sta scritto che una nazione un tempo democratica non può regredire? Perché mai qualcuno dovrebbe credere che gli Stati Uniti siano liberi o immuni da una simile marcia indietro?

Può sembrare esagerato pensare agli Stati Uniti come a un Paese del Terzo Mondo. Dopo tutto, hanno vinto la Seconda guerra mondiale e in quella fase hanno affermato la loro superiorità industriale, scavalcando persino il Regno Unito. Inoltre, è in contrasto con gli Stati Uniti che si è materializzato il concetto di Terzo Mondo.

Winston Churchill cercò di minimizzare questo aspetto della realtà nel tentativo di coinvolgere gli Stati Uniti nel conflitto contro Adolf Hitler e il fascismo. Sapeva che i giorni dell’Impero britannico erano contati. Non è così oggi per tutti nel Regno Unito.

Negli Stati Uniti c’erano figure pronte ad accettare e cogliere il nuovo status dell’America. Uno di questi era Dean Acheson, allora assistente del segretario di Stato. In un memorandum che alla fine divenne il Piano Marshall, uno dei maggiori successi della politica estera americana, si rese conto che gli Stati Uniti avevano bisogno di un’Europa forte, in grado di acquistare e utilizzare la produzione industriale americana.

Quando assunsero il loro nuovo ruolo internazionale, gli Stati Uniti si scontrarono inevitabilmente con la concorrenza. Si è materializzata sotto forma dell’Unione Sovietica di Josif Stalin e continua sotto la Federazione Russa di Vladimir Putin. La guerra in Ucraina e la risposta del presidente Joe Biden sono in un certo senso la continuazione di ciò che è iniziato con lo Sputnik e il Muro di Berlino.

Come la Russia, gli Stati Uniti dispongono di migliaia di testate nucleari. Inoltre, gli Stati Uniti sono ampiamente considerati la principale potenza militare del pianeta. Perché allora qualcuno dovrebbe commettere l’errore di pensare agli Stati Uniti come a una nazione del Terzo Mondo piuttosto che la superpotenza che alcune nazioni ora temono?

Nella maggior parte delle definizioni, il cosiddetto Terzo Mondo descrive Paesi in cui il controllo del tasso di natalità è scarso o nullo, in cui la violenza è diffusa (tranne dov’è esercitata dal dittatore, dal suo partito e dalla polizia), in cui gli ingenui tendono a credere alle tante bugie che vengono loro raccontate, soprattutto da coloro che cercano o detengono il potere, in cui l’opposizione è bandita o silenziata. I detentori del potere, come il Senato degli Stati Uniti quando i repubblicani hanno il controllo, sono una farsa. Chi detiene il controllo si fa strada tra gli oppositori.

Si potrebbe giustamente obiettare che questo scenario non è il caso dell’America di Biden. Ma è così solo in parte. Mi riferisco a come l’America appare oggi per certi aspetti, e a come potrebbe apparire all’inizio del 2025 e dopo. A un’America che è parte integrante di ciò che viene riportato, per esempio, dalla stampa quotidiana. Per esempio, qui ci sono più pistole e armi letali (molte ottenute illegalmente) di quanti siano i residenti negli Stati Uniti. Le sparatorie sono ormai un evento comune. Persone innocenti, giovani o anziane, possono essere ferite o uccise ovunque. Nessuno di questi disordini ha portato o porterà a un controllo federale La polizia è inaffidabile. Se sei un uomo di colore, la polizia è chiaramente il tuo nemico. Nessun uomo di colore esce di casa al mattino con la certezza di non essere riempito di buchi dalla polizia, anche se la violazione o l’accusa è minore. Viene da pensare alle tribù minoritarie dell’Africa subsahariana!

La Corte suprema degli Stati Uniti è ora parte del problema. Non solo, per quanto riguarda il possesso di armi, continua a interpretare male la Costituzione, ma ora ci sono luoghi negli Stati Uniti in cui è illegale per una donna che è stata violentata o ha subito un incesto praticare un aborto. Ci sono luoghi del Terzo Mondo in cui non c’è spazio per questo tipo di arretratezza.

La nuova posizione dell’America sull’aborto assicura, nel tempo, un grande aumento di coloro che sono politicamente più ingenui. La maggior parte dei poveri, rispetto ai ricchi, non potrà abortire. È probabile che siano i più politicamente creduloni. È più probabile che credano che le menzogne politiche siano la verità.

C’è poi il problema degli uomini viziosi, ambiziosi, megalomani, che sono anche grandi bugiardi. L’America ha avuto di recente un presidente che rientra in questa descrizione. Che a volte si rifiuta violentemente di riconoscere di essere stato sconfitto alle urne. Ha perfino guidato un assalto armato alle più importanti istituzioni politiche americane. Il danno che ha arrecato al Paese non è tanto la sua presenza nello Studio Ovale, quanto il fatto che sia quasi riuscito ad aggrapparsi al potere in modo terzomondista. In effetti, è riuscito a dimostrare che le istituzioni politiche sono vulnerabili.

L’assalto alla capitale dello scorso gennaio è la ragione più evidente per cui gli Stati Uniti possono essere definiti una nazione del Terzo Mondo. È in corso un’indagine del Congresso altamente partigiana sull’assalto di gennaio, chiaramente guidata e diretta da un candidato presidenziale sconfitto. Ma non uno che sia stato ancora condannato o sia andato in prigione. Anzi, il candidato sconfitto ha più o meno promesso di perdonare i complici se verrà rieletto nel 2024!

Un’America politicamente ingenua è apparentemente incapace o non disposta a riconoscere il pericolo che sta correndo. Milioni di americani hanno infatti sostenuto alle urne un bugiardo e un pazzo. Quasi tutti i repubblicani, che in realtà sanno bene come stanno le cose e si rendono conto del pericolo, rimangono in silenzio. La morte relativa del Partito repubblicano è uno degli eventi più importanti mai accaduti in America.

Dove, se non nel Terzo Mondo, si verificano eventi di questo tipo? Dove sta scritto che una nazione un tempo democratica non può regredire? Perché mai qualcuno dovrebbe credere che gli Stati Uniti siano liberi o immuni da una simile marcia indietro?

Rimane essenziale, vitale, che questo pericolo venga riconosciuto e discusso.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.