luca-marini-a-montmelo-con-una-nuova-carena:-il-test-in-pista

Luca Marini a Montmelò con una nuova carena: il Test in pista

Luca Marini centra un altro buon risultato in Catalunya: per il pilota del team VR46 in arrivo un’altra novità per la sua Ducati GP22.

Dopo il 6° posto al Mugello, Luca Marini ottiene il medesimo risultato anche nel Gran Premio di Barcellona. In una domenica triste per tutti i piloti italiani, con Enea Bastianini, Pecco Bagnaia, Marco Bezzecchi e Andrea Dovizioso costretti al ritiro, il fratello di Valentino Rossi è l’unico italiano a chiudere nella top-10.

Luca Marini
Luca Marini (foto LaPresse)

Segno che il feeling con la sua Ducati Desmosedici GP22 è in grande crescita dopo i problemi di dentizione all’inizio del campionato. Due settimane ben oltre la sufficienza per il pilota del team Mooney VR46 che finalmente ritrova il sorriso e nella giornata di test Irta del lunedì potrà provare alcune novità tecniche per la sua Rossa che potrebbero completare la sintonia con la moto e ridurre quel problema che ancora lo frena sui rettilinei in termini di velocità massima.

Luca Marini fissa il prossimo obiettivo

Luca Marini
Luca Marini (foto Ansa)

Rispetto alla sua prima annata da rookie Luca Marini ha fatto un consistente step in avanti e da qui a Valencia potrà togliersi ancora belle soddisfazioni. Il prossimo obiettivo sarà il suo primo podio in classe regina. La svolta c’è stata nel test di Jerez, dove ha trovato alcune soluzioni utili per la sua Ducati. A Barcellona ci sarà un’altra spinta: “Speriamo di poter trovare qualcos’altro nei test perché ci manca davvero poco per poter lottare per il podio. Proverò la nuova carena Ducati, che potrebbe essere molto importante per me. Se posso guadagnare 3 o 4 km/h di velocità sul rettilineo sarebbe importante“.

Nell’ultimo giro Luca marini si è ritrovato in mezzo alle due Aprilia di Aleix Espargarò e Maverick Vinales, riuscendo a mantenere la sua sesta piazza fino al traguardo. “Aleix aveva una gomma posteriore nuova, per modo di dire, la mia era distrutta“, ha sottolineato il pilota della VR46 Academy. “Aprilia è molto brava nella gestione delle gomme. Anche con Vinales, che ha guidato con la gomma morbida e qui è impossibile“.

Nella prossima gara in Germania Luca Marini proverà a compiere un altro salto in avanti per affacciarsi nelle posizioni che contano e merita. “Devo ancora migliorare un po’ per essere più competitivo… In futuro cercherò di analizzare meglio i dati per vedere se possiamo fare qualcosa di meglio per puntare al podio“.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.