letizia-cavicchioli-trionfa-al-premio-letterario-la-quara:-“racconto-la-liguria-attraverso-gli-occhi-dei-turisti”

Letizia Cavicchioli trionfa al Premio Letterario La Quara: “Racconto la Liguria attraverso gli occhi dei turisti”

Lo scorso 26 e 27 agosto a Borgotaro, cittadina dell’Appennino Parmense, si è tenuta la finale del Premio La Quara, concorso letterario per racconti brevi organizzato dall’Istituto Manara in collaborazione con l’amministrazione comunale di Borgo Val di Taro ed il contributo fondamentale di Fondazione Monteparma. 

Letizia Cavicchioli, guida turistica di Moneglia, ha trionfato con “La fontana dei tritoni”, un racconto che esprime al meglio il tema scelto in quest’ultima edizione del Premio Letterario: la resilienza.

“È stato un premio inaspettato e, ovviamente molto gradito. Non mi aspettavo di vincere, non mi è mai capitato di fare dei concorsi prima di oggi – dice Cavicchioli – Mi è piaciuto molto il tema di questo concorso: la resilienza. Ho provato ad inventarmi un racconto che potesse parlare del territorio, è un racconto molto ligure.

È la storia di una signora che vive in un piccolo paese dell’estremo Levante. La sua è una vita dura segnata però dalla resilienza e segnata dal fatto di poter andare avanti nonostante le tante difficoltà. 

La mia idea era di creare un parallelismo tra il paesaggio ligure (i vigneti bassi che ancora oggi crescono lungo la costa, soprattuto nella zona delle Cinque Terre), la vita delle persone e i tritoni, queste salamandre che per adattarsi riescono a respirare senza i polmoni ma attraverso il tessuto cutaneo”. 

L’amore per la Liguria e la sua Moneglia traspare nei suoi scritti e nelle sue parole. Un amore, lei dice, che si rinnova ogni volta attraverso il suo lavoro di guida turistica: 

“Mi sono resa conto di come la nostra terra sia ricca di suggestioni universali: c’è questa asprezza del territorio che vivo un po’ tutti i giorni accompagnando le persone. È una terra bellissima che comunque richiede sacrificio, spirito di adattamento e da qui è nata la volontà di raccontare questo territorio andando oltre a quelli che sono gli aspetti più turistici.

Lavoro quasi esclusivamente con stranieri e questo mi aiuta ancora di più a vedere tutto con un certo distacco. Attraverso i loro occhi, le loro impressioni riesco a rivivere la bellezza della nostra terra. A volte noi italiani siamo assuefatti dalla bellezza, dalla storia e dalla natura che abbiamo sempre davanti agli occhi. Lavorare con gli stranieri mi permette di superare questa assuefazione vedendo il loro entusiasmo”. 

Oltre ad essere una guida turistica Letizia si potrebbe definire una vera e propria guida letteraria. Nella sua opera “Vagabondaggi letterari in Riviera” cerca infatti di ripercorre le vie liguri utilizzate e conosciute da importanti scrittori e poeti internazionali: 

“È una guida letteraria costituita da una serie di itinerari che vanno dal Levante fino al Ponente in cui, attraverso una serie di brevi racconti, ho voluto mettere in evidenza quelli che sono stati gli scrittori e gli intellettuali (soprattutto anglofoni) che hanno visitato la nostra regione tra ‘800 e ‘900. Recentemente è uscita una guida simile dedicata esclusivamente alla Cinque Terre”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.