lavori-e-investimenti,-in-consiglio-comunale-passa-il-futuro-di-bordighera

Lavori e investimenti, in consiglio comunale passa il futuro di Bordighera

Bordighera. Poco meno di 14milioni di euro (13.814.207,32 per l’esattezza), di cui € 6.899.072,50 accantonati a fondi rischi ed oneri, 620.473,33 euro vincolati da leggi e da principi e 1.088.946,41 di euro destinati ad investimenti. Si è chiuso con queste cifre il rendiconto del 2021. Il risultato di amministrazione è stato illustrato dal sindaco di Bordighera Vittorio Ingenito che ha spiegato come, a causa dello stato di emergenza legato alla pandemia da Covid-19, il Comune abbia rivestito «un ruolo centrale nella gestione della crisi e degli strumenti di sostegno».

«Nonostante le indubbie difficoltà – ha sottolineato Ingenito – L’amministrazione ha comunque compiuto con convinzione scelte mirate a favorire la ripartenza, con un ricco calendario di eventi culturali, sportivi e d’intrattenimento ed un forte investimento compiuto per la promozione, cui l’ente ha destinato la prevalenza delle risorse derivanti dall’imposta di soggiorno (pesantemente ridotta dalla contingenza) e del contributo compensativo statale».

«Da inizio mandato – ha detto il sindaco – Abbiamo portato avanti interventi per oltre 30 milioni di euro, interventi che riguardano tutto il territorio. Abbiamo tanti progetti che sono arrivati a conclusione e altri che ci presteremo a portare avanti. Per questo lavoro dobbiamo ringraziare gli uffici comunali».

OPERE PUBBLICHE REALIZZATE

«Molti i cantieri realizzati, tra cui il restyling di piazza Stazione; la messa in sicurezza antisismica delle scuole di via Pelloux e di via Pasteur, la costruzione della nuova scuola d’infanzia di via Napoli e tutti gli interventi per restituire ai bambini spazi esterni per lo sport ed il gioco – ha detto sempre Ingenito, parlando delle opere pubbliche realizzate – L’abbattimento delle barriere architettoniche e la realizzazione della nuova area ludica per i più piccoli dei giardini Lowe; l’inaugurazione del giardino in Arziglia con le opere di Marcello Cammi; l’avvio del restauro conservativo della Chiesa Anglicana; le attività, tantissime, per la valorizzazione del porto turistico; i cantieri per la difesa del territorio, tra cui quello per i muri di Villa Regina Margherita e di via Giolitti; l’inizio dei lavori per la canalizzazione della acque a Borghetto San Nicolò; il rifacimento dei marciapiedi e tutta la piccola, ma importantissima, manutenzione».

NUOVI LAVORI

Con la seconda e la terza variazione di Bilancio, approvata dal consiglio comunale, continuano gli investimenti sul territorio di Bordighera. «Questo conferma la visione d’insieme con cui l’amministrazione sta lavorando per lo sviluppo cittadino», ha sottolineato Ingenito.

Nei dettagli, alle cifre già stanziate lo scorso anno, è stato implementato il piano asfalti con ulteriori 300.000 euro. Finanziata poi, per 150mila euro l’impermeabilizzazione del porto «in continuità con quanto realizzato fino ad oggi per l’approdo turistico».

Non sono state dimenticate le scuole, con 45mila euro stanziati per interventi di ripristino della facciata di villa Felomena, in continuità con la nuova scuola e 35mila euro per la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici e 20mila euro per progetti a sostegno della direzione scolastica. Confermata a 360 gradi «l’attenzione per i bambini e i ragazzi e per lo sport, con la riqualificazione dell’area giochi presso il Trocadero e la realizzazione di una zona fitness (lo stanziamento per i due interventi ammonta a 80.000 euro); destinato all’efficientamento energetico del palazzetto dello sport di via Diaz un contributo ministeriale», ha sottolineato Ingenito.

Per interventi sugli stabili comunali andranno invece 55mila euro. Molte le attività pianificate per la manutenzione in generale, anche per il mercato coperto (27.500 euro), per il potenziamento dell’illuminazione pubblica (45mila euro) e per la sicurezza, in particolare per implementare gli impianti di videosorveglianza (25mila euro) e gli attraversamenti luminosi (18mila euro).

Altri stanziamenti andranno per l’arredo urbano (40mila euro) e per le spiagge (40mila euro). «Saranno aperti cantieri per circa 500mila euro in diverse aree di Bordighera», ha dichiarato il sindaco. Importanti, infine, gli investimenti per turismo e cultura (250.000 euro) e significativa la destinazione di 50.000 euro per dare seguito al piano strategico commissionato dall’amministrazione per lo sviluppo turistico della città. Quindicimila euro sono stati stanziati per la progettazione esecutiva della cosiddetta “Via di Mezzo”.

In caso di necessità, gli uffici comunali avranno a disposizione 250mila euro per interventi urgenti sul territorio. Nota dolente: così come per gli altri comuni dell’imperiese, sono aumentati i costi per trasportare i rifiuti nella discarica savonese. Gli oneri derivanti dai costi di discarica sono aumentati di 120mila euro in un anno.

«C’è poi la grandissima opportunità del PNRR – ha detto sempre Ingenito – Per cui abbiamo stanziato, con la seconda variazione di bilancio, un impegno di 50mila euro per affidare gli incarichi di progettazione propedeutici alla partecipazione ai bandi di assegnazione delle risorse. Ad oggi il Comune ha presentato tre progetti: recupero e valorizzazione della Pineta del Capo; restauro e valorizzazione del giardino storico Winter; riqualificazione energetica ed adeguamento del Teatro del Palazzo del Parco. Gli Uffici e i professionisti incaricati sono al lavoro su altri bandi».

«Proseguiremo inoltre con la riqualificazione del lungomare Argentina, con la ciclabile, con il consolidamento del litorale, con la canalizzazione delle acque in via degli Inglesi, con il restyling di piazza Ruffini. Verranno aperti cantieri per altri marciapiedi; continuerà il programma di attività per la manutenzione urbana; affiancheremo famiglie ed attività che attraversino difficoltà – ha concluso il sindaco -. Un impegno davvero importante, in cui crediamo fortemente, per Bordighera».

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.