l’appello-del-wwf-alle-nazioni-unite:-“proteggere-le-autostrade-delle-balene”

L’appello del WWF alle Nazioni Unite: “Proteggere le autostrade delle balene”

Lo studio “Protecting Blue Corridors” ha analizzato le tracce satellitari di 1000 balene migratorie in tutto il mondo, utilizzando i dati provenienti da 30 anni di ricerche

http://www.dailynautica.com/

Il WWF (World Wildlife Fund), in collaborazione con oltre 50 gruppi di ricerca appartenenti a Università di tutto il mondo, ha da poco pubblicato un importante rapporto che offre il primo sguardo completo sulle migrazioni delle balene e sulle minacce che devono affrontare per attraversare gli oceani.

Lo studio, intitolato “Protecting Blue Corridors“, ha analizzato le tracce satellitari di 1000 balene migratorie in tutto il mondo, utilizzando i dati provenienti da 30 anni di ricerche. Il risultato delinea come questi magnifici animali stiano incontrando minacce multiple e crescenti nei loro habitat oceanici critici, ovvero le aree in cui si nutrono, si accoppiano, partoriscono e allattano i piccoli. I pericoli, poi, non cessano durante le migrazioni che compiono ogni anno e che possono raggiungere migliaia di chilometri.

Secondo Chris Johnson, global lead per la conservazione di balene e delfini al WWF, “gli impatti cumulativi delle attività umane, tra cui la pesca industriale, il passaggio delle navi, l’inquinamento chimico, plastico e acustico, la perdita di habitat e il cambiamento climatico stanno creando un percorso ad ostacoli pericoloso e a volte fatale. Con la pesca intensiva si stima che vengano uccisi circa 300 mila esemplari all’anno di mammiferi marini tra balene, delfini e focene. Quello che è peggio è che questo fenomeno avviene dall’Artico all’Antartico”.

Lo studio riporta come 6 delle 13 specie di grandi balene siano ora classificate da parte dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) come in via d’estinzione o vulnerabili, anche dopo decenni di protezione dalla caccia commerciale. All’apice di questa classifica negativa si trova la balena franca nordatlantica, che migra tra il Canada e gli Stati Uniti e della quale rimangono solo 336 esemplari, il numero più basso da quando è iniziato lo studio accurato della specie vent’anni fa.

Il WWF sottolinea come la protezione dei “corridoi blu”, le autostrade in cui si muovono le balene, richieda un nuovo tipo di approccio, in cui è necessaria una forma di cooperazione locale ma anche a livello internazionale. Per questo si rivolge alle Nazioni Unite, che stanno svolgendo delle trattative per una cooperazione tra gli Stati finalizzata alla gestione delle acque in alto mare, quelle che vanno al di là delle varie giurisdizioni nazionali.

I vantaggi ottenuti dalla protezione di questi magnifici animali sono molteplici: dalla salute dell’ambiente marino e degli oceani al valore commerciale di un turismo legato al Whale watching. Il Fondo Monetario Internazionale ha calcolato che il valore di una grande balena è di 2 milioni di dollari. Moltiplicato per le balene viventi, parliamo di un trilione di dollari, cioè un milione di bilioni. Magari questa volta sarà il denaro a muovere le buone intenzioni. Per saperne di più, è possibile visitare il sito del WWF dedicato alle balene.

Fonti foto: WWF, Wikipedia

Potrebbe interessarti anche

Ambiente

  • 22 Febbraio 2022

Il programma Friend of the Sea assegna il Whale-Safe Award 2022 alla compagnia navale Hapag Lloyd

Ambiente

Sulla spiaggia di San Giorgio di Sciacca (Agrigento) uno squalo azzurro ha partorito in spiaggia 9 piccoli. A soccorrerlo sono state quattro donne, con il supporto della Guardia Costiera

Cronaca

  • 21 Giugno 2021

Michael Packard, pescatore di aragoste professionista, si è ritrovato nella bocca di un esemplare giovane e inesperto di megattera

Ambiente

Il cetaceo non solo non è di casa nel Mediterraneo, ma non si era mai visto prima nelle coste nostrane. A Ponza avvistata per la prima volta in Italia la balena grigia. Ecco il video

Ambiente

Straordinario avvistamento nel Santuario Pelagos durante una crociera di ricerca del WWF del progetto “Vele del Panda”: sei zifi, campione di immersione e uno dei cetacei più rari in Mediterraneo, incontrati nell’alto Mar Tirreno

Ambiente

  • 1 Giugno 2020

Nel libro “Balene salvateci!”, pubblicato da Mursia, la biologa marina Maddalena Jahoda offre al lettore un’altra prospettiva sui cetacei, animali ammirati, amati, ma ancora poco conosciuti

Questo sito utilizza cookie di terze parti, per migliorare l’esperienza utente e motivi statistici Accetto Informazioni

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.