la-siccita-secca-il-lago-poyang,-la-cina-riscopre-l'antica-isola-delle-5-dinastie

La siccità secca il lago Poyang, la Cina riscopre l'antica isola delle 5 Dinastie




Roma, 28 ago – Ancora una volta ci troviamo a parlare di straordinarie scoperte archeologiche riemerse dalle acque, a causa di questa estate 2022 dettata dalla siccità che colpisce mezzo globo. Oggi andiamo in Cina, sull’isola di Luoxingdun, dove un’antica città risalente all’era delle Cinque Dinastie è riemersa dalla secca di quello che fu uno dei laghi più grandi dello sterminato territorio cinese. Le immagini effettuate con droni che ci arrivano dal Lago Poyang, caricate su YouTube da People’s Daily China, lasciano a bocca aperta per la loro spettacolarità.

Il lago in secca a causa della siccità

Il sito storico dell’isola di Luoxingdun è emerso dal lago Poyang, il più grande lago d’acqua dolce della Cina, a causa del livello dell’acqua sceso a livelli record. Il lago è entrato ufficialmente nella stagione secca di quest’anno lo scorso 6 agosto, la prima data dall’inizio delle registrazioni nel 1951. Secondo le autorità locali, negli ultimi tempi, le condizioni di siccità innescate dal caldo prolungato e dalle scarse precipitazioni nella provincia di Jiangxi hanno ridotto il lago addirittura del 75%. Tra il caldo e la siccità, le dighe idroelettriche su cui fanno grande affidamento alcune città come il Sichuan, hanno visto enormi riduzioni della produzione. Secondo il Global Times, la produzione giornaliera di energia idroelettrica del Sichuan sarebbe infatti diminuita di circa il 51% a partire dallo scorso sabato. Come sta avvenendo proprio in questi giorni in Italia, anche nelle aree confinanti con il prosciugato lago cinese, ad alcuni residenti è stato chiesto di lavorare da casa per risparmiare energia. Il governo locale ha chiesto inoltre alle persone di limitare il livello di funzionamento dei loro condizionatori d’aria. Insomma; in quest’estate 2022 tutto il mondo sembra una volta di più “essere paese”.

La Cina sommersa dal caldo

Come molte città del nostro Occidente, anche la Cina sta vivendo attualmente un’ondata di caldo e siccità mai vista negli ultimi decenni Le temperature sono arrivate a superare i 40 gradi Celsius in varie regioni del paese. Questo, insieme alla mancanza di pioggia in alcuni capoluoghi di provincia, ha portato a condizioni così secche che il più grande lago d’acqua dolce della Cina, ha ridotto drasticamente il suo contenuto idrico. In realtà, però, è normale che il lago poco profondo e alimentato da più fiumi, entrando nella stagione secca riveli la base della storica isola di Luoxingdun. Normalmente l’isola è infatti parzialmente sott’acqua, tuttavia, quest’anno, per la prima volta in 71 anni l’isola può essere vista nella sua interezza. Ma se l’ondata di caldo e la siccità in corso in Cina stanno colpendo il lago Poyang, quest’anno, la stessa sorte sta mettendo a rischio anche i raccolti autunnali e la produzione di energia, che, solo fino a un mese fa, sembravano essere garantiti dalla Repubblica Popolare Cinese. La scorsa domenica, 21 agosto, il Centro meteorologico centrale cinese ha emesso un allarme rosso per caldo estremo, il livello più alto possibile del suo sistema di allerta meteorologica.

Ma il caldo non è l’unica causa

Anche se oggi va tanto di moda parlare di siccità e catastrofismi climatici, per il lago Poyang, le condizioni di siccità sono però solo una parte del problema. L’elevata domanda di materiali da costruzione come vetro e cemento in Cina, infatti, ha reso il lago Poyang una ricca fonte per il dragaggio della sabbia. Si pensa che questa attività abbia contribuito negli ultimi decenni ad abbassare anormalmente i livelli dell’acqua nel lago, spingendo il governo a limitare in una certa misura le attività di estrazione delle sue sabbie. Il lago Poyang è una riserva naturale nazionale, che ospita oltre 300 specie di uccelli migratori, tra cui la gru siberiana in pericolo di estinzione. È anche uno sbocco chiave per le inondazioni del fiume Yangzte.

default

La stella caduta dal cielo

Sull’isola di Luoxingdun si trovano alcuni edifici antichi che furono costruiti per la prima volta durante le Cinque Dinastie, tra il 907-960. Durante il regno delle Cinque Dinastie Wu Yangpu Dahe, fu fondata la città di Xingzi, nel sud di Lushan, nella quale vennero inviate truppe guerriere per reggere la guarnigione. Fin dall’antichità, l’isola è chiamata “Stella caduta dal cielo”. Questo nome le è stato attribuito proprio perchè l’isola è a forma di stella, da cui deriva il nome Xingzi. Nel terzo anno del Song Taiping ringiovanimento (978), la città di Xingzi fu ribattezzata Contea di Xingzi. Secondo le leggende locali, la pietra lacustre era formata da una meteora caduta dal cielo, che ha assicurato all’isola la protezione dagli dei. Gli antichi edifici di Luoxingdun sono realizzati in pietra levigata che le permettono di rimanere intatti anche dopo migliaia di anni.

L’isola delle Cinque Dinastie

Durante il periodo Qianning della tarda dinastia Tang, tra l’894-897 d.C., il monaco Qingyin andò a vivere sull’isola per iniziare a costruire il proprio eremo. La costruzione del tempio continuò poi fino alla fine della dinastia Qing. Durante la dinastia Song, il tempio fu ribattezzato “Fuxing Longanyuan“, noto anche come “Tempio Luoxing”. Successivamente, la dinastia Ming costruì anche la Torre Fuyu, Yujingxuan, Gangyixuan e il Padiglione Qinghui. Purtroppo, poi, Bingxuan venne distrutta nel periodo Xianfeng. Nell’agosto del 1959, Fang Zhichun, vice governatore della provincia di Jiangxi, accompagnò Liu Shaoqi, allora presidente dello Stato, nella contea di Xingzi per visitare quest’isola millenaria. Quando Liu Shaoqi rientrò a Pechino, inviò diversi esperti sull’isola per condurre ricerche, dimostrando che l’isola era un prodotto dell’orogenesi.

Aspettando l’autunno

Queste, in particolare, rendono il lembo di terra, fino a pochi giorni fa circondato dal lago, una meraviglia storica e panoramica di rara bellezza. Oggi, l’isola millenaria appare circondata da prati anziché da acqua. Ma se è vero che i livelli del lago Poyang sono scesi sempre di più nel tempo, senza ascoltare troppo i catastrofisti del clima, con l’arrivo dell’autunno le piogge porteranno nuovamente l’acqua a risalire e, l’antica isola di Luoxingdun, tornerà finalmente ad essere la bellissima isola della Stella caduta dal cielo.

Andrea Bonazza

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.