la-cambusa,-il-social-market-del-municipio-levante,-si-arricchisce-con-la-lampara-(foto)

La Cambusa, il Social Market del Municipio Levante, si arricchisce con la Lampara (FOTO)

La Cambusa’, il Social Market del Municipio Levante, si arricchisce con la ‘Lampara’. Ne parla Paola Maccagno, consigliere municipale Pd, nel Levante, l’ideatrice del progetto sociale che all’epoca della nascita di questa importante iniziativa era assessore municipale, oggi consigliere ancora molto attiva.

A lei si deva la scelta del nome Cambusa. “Per noi scout la cambusa è il luogo dove ai campi si tengono gli approvvigionamenti, era un’idea di coniugare la mia esperienza scout con quelle dell’impegno nel sociale come assessore. Il social market è il luogo dove chi ha bisogno può trovare una risposta ai suoi bisogni, di prodotti alimentari, per l’igiene, ma anche una parola di conforto, un luogo di ascolto. L’idea era di sfamare pancia e spirito. In itinere si sono aggiunti proprio dei ‘servizi’ in tal senso: uno spazio di sportello psicologico, momenti di approfondimento di tematiche specifiche grazie all’impegno di Borgo Solidale”.

È una realtà ormai consolidata anche grazie all’impegno di Masci (associazione di cui Maccagno è segretaria regionale) e di tanti volontari che danno una mano per ritirare dalla Coop gli alimenti, fare collette alimentari e preparare gli ordini delle famiglie bisognose.

Era il 30 settembre del 2016 quando si celebrava il primo anno di Cambusa proprio in via Sagrado 13 e si festeggiavano i risultati raggiunti con questo progetto, con tante idee anche per il futuro. Ancora oggi si continua ad aiutare le persone in difficoltà, da parte di cittadini che non rimangono indifferenti e scelgono di offrire competenza, tempo e beni al social market.

Si combatte lo spreco recuperando alimentari e non solo, recuperando prodotti inutilizzati da supermercati da parte delle Onlus che effettuano senza scopo di lucro le distribuzioni gratuite a chi ne ha bisogno. Per le imprese Cambusa rappresenta un reale risparmio perché viene ridotta la Tari, come l’Iva detraibile, poiché i beni donati si considerano distrutti; interamente deducibile l’Ires sul costo d’acquisto.

I destinatari dell’iniziativa sono i nuclei familiari (anche mono familiare) con problematiche socio economiche, con presa in carico da parte della ATS 51 Levante. Su appuntamento vengono accolte le persone, poi accompagnate nella scelta dei prodotti presenti. Nel 2020, durante il periodo più critico dell’emergenza sanitaria, si è arrivati a 5 aperture mensili, visto il forte incremento del bisogno espresso dal territorio e il social market non è mai stato chiuso. Appena possibile, sono riprese le aperture al quartiere ogni giovedì pomeriggio, per rendere più visibile il progetto, offrendo la possibilità di accedere a chi vuole donare prodotti.

“Oggi Cambusa si è ingrandita grazie all’assessore Patrizia Arrighetti ed è nata Lampara, nuovo progetto di raccolta e distribuzione indumenti: vestiti, scarpe, accessori per bambini. Chiunque può collaborare, portando prodotti direttamente alla Cambusa il giovedì pomeriggio, o quando fa la spesa alla Coop di Nervi o di Quarto, lasciando qualcosa nel cesto che si trova vicino alle casse”.

E sabato 16 ottobre c’è una raccolta per tutto il giorno, dalle 9 alle 20, alla Coop di Corso Europa. Si possono donare i prodotti per la pulizia della casa (candeggina-ammoniaca), detersivi per il bucato a mano, lavatrice, piatti e superfici; prodotti per l’igiene personale (rasoi, shampoo, dentifricio); per quanto riguarda gli alimentari: olio di oliva o semi; formaggio grana; zuppe; dadi da brodo; zucchero; latte; caffè; marmellata; miele; tonno e carne in scatola. Per l’igiene personale si possono donare i pannolini per i bimbi, assorbenti per donne, carta igienica, carta scottex e fazzoletti. Per sostenere ‘La Cambusa’ è anche possibile donare il 5 × 1000 a Borgo Solidale Onlus CF: 95107780108. Per informazioni: 010 0948196; wwwlacambusa.org (via Sagrato 13 R 16147 Genova).

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *