la-barca-del-principe-filippo-venduta-all’asta-per-69.000-sterline

La barca del principe Filippo venduta all’asta per 69.000 sterline

Il motoscafo appartenuto al defunto principe Filippo, duca di Edimburgo, è stato venduto all’asta per l’incredibile cifra di 69 mila sterline. Scopriamo insieme la storia di uno dei cimeli più preziosi di Buckingham Palace.

principe Filippo

Una barca classica della gamma Albatros MKIII Super Sports è stata venduta pochi giorni fa all’asta di Bonhams a Chichester per l’incredibile cifra di 69.000 sterline. Non stiamo parlando di uno yacht di lusso, come si potrebbe pensare, ma di un motoscafo lungo appena 4 metri, realizzato nel 1956. Nonostante il suo semplice aspetto, questa piccola imbarcazione nasconde un passato prestigioso, tanto da far scatenare una vera corsa all’offerta per aggiudicarsela. Inizialmente, la valutazione oscillava tra le 20.000 e le 40.000 sterline, ma la cifra finale ha superato tutte le aspettative.

Il motoscafo classico apparteneva al defunto principe Filippo, duca di Edimburgo. Dal 1956, anno della sua realizzazione, fino al 1967, il motoscafo salì a bordo della Royal Yacht Britannia come tender personale. Per un viaggio o per un semplice giro nelle acque londinesi, ogni occasione era buona per salire a bordo di questa incantevole imbarcazione. D’altronde il duca di Edimburgo non abbandonò mai la sua passione per le navi e per il mare. Neppure quando decise di rinunciare alla brillante carriera nella Marina Militare britannica per seguire gli impegni istituzionali, dopo l’incoronazione di un altro dei suoi grandi amori, la Regina Elisabetta.

l’Albatross Super Sports Runabout

Non è un caso che il principe Filippo, scelse proprio questa imbarcazione semplice, ma allo stesso tempo rivoluzionaria. L’Albatross Super Sports Runabout è uno dei 607 modelli del suo tipo che vennero costruiti tra il 1956 e il 1959. E’ una nave interamente fatta in alluminio con 3 posti e alimentata da un motore Ford 100E quattro cilindri. Ciò che la rende unica nel suo genere è sicuramente la sua grande aerodinamicità. L’Albatross è infatti capace di raggiungere una velocità massima di 34 miglia orarie.

Dopo il periodo d’oro della Royal Yacht Britannia, il piccolo motoscafo si trasferì nel 1967 presso il castello di Balmoral dove si dice che sia stato guidato addirittura dalla defunta Lady Diana. Con il passare del tempo, l’Albatross diventò un vero pezzo di storia. In effetti molti membri della famiglia reale conservano ancora dei ricordi a bordo di questa imbarcazione.

Una fotografia, scattata nel 1957, ritrae il principe Filippo insieme al figlio Carlo di otto anni seduto sul sedile del passeggero dell’Albatross, durante uno dei loro viaggi presso la città di Cowes, nell’isola di Wight. La stessa immagine, è stata usata 64 anni dopo nel biglietto di ringraziamento emesso dal principe in risposta ai messaggi di cordoglio dopo la morte di suo padre nel 2021. L’Albatross rimase sempre in buone condizioni, conservando i suggestivi ricordi di tutta la famiglia e nel 1987 concluse il suo ultimo viaggio prima di essere dismessa.

La barca sportiva più amata dalle celebrità

Questa dinamica imbarcazione, al momento della sua uscita, ebbe subito un rapido successo, tanto da diventare una vera e propria icona nel mondo della nautica. La società che costruì il primo modello si chiamava Albatross Marine Ltd, fondata nel 1949 da Archie Peace, un ingegnere aeronautico. Quest’ultimo venne poi raggiunto da altri due soci Peter Hives e Bruce Campbell. Tutti e tre gli uomini condividevano un passato nell’aeronautica. Da lì, l’idea di trasferire queste conoscenze nel campo marino.

Grazie alle abbondanti forniture di lega di alluminio lasciate durante la seconda guerra mondiale, furono costruiti i primi idroplani. In breve tempo, queste imbarcazioni all’avanguardia riscossero una grande popolarità, attirando la clientela più ricca. Molte celebrità tra cui Brigitte Bardot e il principe Ranieri di Monaco rimasero incantati da questo modello, ma la storia dell’Albatross rimarrà sempre legata a quella del principe Filippo.

Potrebbe interessarti anche

Design

  • 1 Aprile 2022

Innovazione e ricerca espressiva per l’ultimo ordine del cantiere turco, votato sempre di più agli yacht custom

Mercato nautica

  • Foto
  • 2 Settembre 2021

Prevista a febbraio 2022 la consegna del quarto megayacht da 50 metri di Tankoa, ibrido e interamente in alluminio. Prosegue il successo della serie disegnata da Francesco Paszkowski

Design

  • 5 Febbraio 2021

Ecco l’ultima commessa del cantiere Baglietto: uno yacht planante in costruzione per un armatore europeo

Eventi e fiere

Alumboats, il cantiere italo cinese che produce scafi in alluminio, debutta agli eventi di settore in Italia, partecipando alla prima edizione del Salone Nautico di Bologna. L’intervista all’executive manager Mario Barbagallo

Nautica

  • 22 Ottobre 2019

L’architetto e ingegnere nautico Davide Zerbinati ha pubblicato con Edizioni Il Frangente un volume interamente dedicato agli scafi metallici, a portata di diportista

Design

  • Foto
  • 8 Febbraio 2019

Dall’esperienza personale del fondatore di Amasea Yachts un catamarano dal nuovo concept progettuale e costruttivo

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.