“il-principe-andrea-non-puo-ignorare-il-processo-per-abusi-nascondendosi-dietro-i-muri-di-palazzo”:-parla-l’avvocato-di-virginia-giuffre

“Il principe Andrea non può ignorare il processo per abusi nascondendosi dietro i muri di palazzo”: parla l’avvocato di Virginia Giuffre

Le denunce a mezzo stampa diventano un’azione legale in piena regola che minaccia di travolgere di vergogna la famiglia reale britannica tout court. Non si parla d’altro a cavallo dell’oceano che della causa intentata dinanzi alla giustizia americana da Virginia Giuffre Roberts, una delle vittime del defunto miliardario pedofilo Jeffrey Epstein, contro il principe Andrea, terzogenito e figlio prediletto della 95enne regina Elisabetta, accusato d’aver abusato non meno di tre volte della donna – oggi 38enne – quando Virginia aveva appena 17 anni. Il Duca di York “non può nascondersi dietro la ricchezza ed i muri di palazzo”, ha detto alla Bbc l’avvocato della Giuffre, David Boies, dichiarando che Andrea debba sottoporsi all’esame del tribunale.

Virginia Giuffre sostiene di essere stata aggredita sessualmente dal Principe quando aveva 17 anni e lo chiama in causa sulla base di una potenziale imputazione gravissima, la violazione del Children Act destinato a proteggere bambini e minorenni dai soprusi sessuali. Boies ha ricordato che la sua assistita ha “provato in tutti i modi possibili a risolvere questo contenzioso” senza ricorrere alle vie legali e adesso vuole che siano un giudice e una giuria ad ascoltare le prove. “A questo punto il processo è l’unico modo per stabilire una volta per tutte quale sia la verità – ha proseguito l’avvocato – e il contenzioso è l’unico modo per stabilire una volta per tutte quali siano effettivamente le prove del principe Andrea”. Le persone “ignorano i tribunali a loro rischio“, ha concluso: “Sarebbe molto sconsigliabile che il principe Andrea ignori il processo giudiziario”.

La donna – che oggi vive in Australia e in passato ha sostenuto d’essere stata oggetto d’intimidazioni e persino minacce di morte per il contributo alle denunce sul giro di sfruttamento minorile imputato ad Epstein, morto ufficialmente suicida in un carcere di New York dopo essere stato condannato per reati di pedofilia – afferma d’essere stata messa di fatto ‘a disposizione’ di Andrea in tre distinte occasioni dal miliardario statunitense e dalla sua presunta complice, Ghislaine Maxwell: ereditiera e socialite britannica (attualmente detenuta in America) che avrebbe fatto inizialmente da trait d’union fra il Principe e il finanziere. Gli incontri incriminati – si legge nelle carte depositate alla corte federale di Manhattan nell’atto di citazione, con annesso annuncio di mega richiesta di risarcimento dei danni fisici e morali – sarebbero avvenuti in altrettante proprietà di Epstein.

Londra, New York e nella residenza delle Isole Vergini teatro secondo numerose testimonianze d’indagine di una quantità di riunioni, feste e festini organizzati nel tempo dal tycoon a beneficio di una congrega d’amici ricchi e famosi: congrega in cui, oltre al duca di York, ebbero parte tanti potenti (americani e non) fra i quali Bill Clinton, Bill Gates e altri intoccabili. Virginia già in passato aveva avanzato le sue accuse con gli investigatori newyorchesi e in interviste tv. Ma la causa formalizzata adesso rappresenta una svolta ipoteticamente micidiale, non solo per il Duca, oggi 61enne ma per la reputazione della dinastia dei Windsor in genere. Una grana infinitamente peggiore per la stessa sovrana – già provata in questi mesi dalla perdita del quasi centenario consorte Filippo – rispetto a qualsiasi bega interna al casato innescata da vicende quali lo strappo del nipote ‘ribelle’ Harry, dal suo trasferimento in California con Meghan e la famiglia, dalle polemiche che ne sono derivate e potrebbero derivarne ancora.

“Venti anni fa – si legge nel testo della denuncia presentata a nome della Giuffre – la ricchezza, il potere, la posizione e le connessioni del principe Andrea gli consentirono di abusare di una ragazzina spaventata e vulnerabile che non aveva nessuno a proteggerla” e che era stata “svenduta”; è tempo “che egli ne risponda”. Parole accolte al momento con un imbarazzato “no comment” da un portavoce del Duca, in attesa d’una qualche reazione ufficiale a corte. L’attacco legale segue il fallimento di un tentativo di transazione extra giudiziale nel quadro del quale Andrea di York – decorato come un eroe di guerra per la partecipazione al confitto della Falkland/Malvinas, ma anche protagonista d’innumerevoli scivolate o scandali, fra affari e vita privata, durante la sua vita di principe cadetto sempre alla ricerca d’un ruolo – avrebbe dovuto riconoscersi almeno in parte colpevole.

Cosa che egli viceversa continua a rigettare nella sostanza, negando categoricamente – come fa da anni, spalleggiato dai comunicati di Buckingham Palace oltre che dall’eccentrica ex moglie Sarah Fergusson – d’aver mai avuto rapporti con Virginia. Senza tuttavia riuscire a spiegare una foto d’epoca col suo braccio attorno alla vita della giovane. E soprattutto senza poter smentire “l’errore” di aver frequentato l’inquietante circolo segreto di vip gaudenti messo su a suo tempo da Jeffrey Epstein.

L’articolo “Il principe Andrea non può ignorare il processo per abusi nascondendosi dietro i muri di palazzo”: parla l’avvocato di Virginia Giuffre proviene da Il Fatto Quotidiano.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *