gli-elettrodomestici-samsung-puntano-tutto-su-efficienza-ed-intelligenza-per-abbattere-i-consumi

Gli elettrodomestici Samsung puntano tutto su efficienza ed intelligenza per abbattere i consumi

di  – 01/09/2022 23:560

Gli elettrodomestici Samsung puntano tutto su efficienza ed intelligenza per abbattere i consumi

A IFA 2022 Samsung ha rilanciato il proprio ecosistema SmartThings soprattutto legato alle possibilità di educare e sostenere l’utente al risparmio energetico.

L’emergenza energetica bussa anche alle porte dell’IFA di Berlino 2022 e diventa la protagonista della conferenza stampa di Samsung, totalmente incentrata sulla home automation al servizio soprattutto dell’efficientamento energetico. 

In primissimo piano, secondo la visione di Samsung, la piattaforma SmartThings, tanto da condizionare il motto che campeggia su tutto il padiglione intero occupato dal colosso coreano all’IFA 2022, il CityCube: “Do the SmartThings!”

Il marchio SmartThings nasce come autonomo nel 2012 in Silicon Valley ma già nel 2014 Samsung l’aveva acquistata inserendola nella propria costellazione di aziende. Il processo di integrazione di SmartThings e delle sue competenze di home automation nei prodotti Samsung è andato avanti in questi anni, toccando un po’ tutte le categorie: non a caso l’app con la quale si configurano tutti i prodotti Samsung connessi si chiama proprio SmartThings.

Ora, a IFA 2022, Samsung ha chiuso il cerchio e si prepara a un lancio in grande stile dell’ecosistema SmartThings, anche grazie all’estensione della compatibilità con oltre 300 partner (come per esempio Philips Hue). La società ha anche annunciato che entro il 2023 tutti i propri grandi elettrodomestici saranno dotati di Wi-Fi e quindi aderiranno compiutamente alla piattaforma SmartThings. Già oggi la maggior parte di questi apparecchi Samsung soddisfano questa caratteristica.

Abbattere i consumi energetici, obiettivo numero uno

Ovviamente, con il mercato dell’energia in subbuglio in tutta Europa, il focus principale non poteva che essere quello del contenimento dei consumi energetici, obiettivo da raggiungere secondo Samsung operando su due fronti: elettrodomestici più efficienti da un lato e più intelligenti dall’altro.

Per quello che riguarda il primo aspetto, Samsung ha citato, per esempio, la tecnologia di lavaggio Ecobubble che, insufflando bolle d’aria durante il lavaggio permette una migliore detersione dei capi senza rovinarli, rendendo così possibile un lavaggio altrettanto efficace anche a temperature minori, con il conseguente risparmio energetico, fino al 70%.

Sul fronte dei frigoriferi, Samsung ha rivendicato il ruolo di produttore del frigorifero più efficiente sul mercato, grazie alle soluzioni tecnologiche per quello che riguarda compressori, gestione della temperatura e isolamento.

Ma i risultati di efficienza miglioreranno ulteriormente grazie all’adozione dell’intelligenza artificiale – e qui veniamo al secondo aspetto – che renderà questi elettrodomestici (e tutti gli altri Samsung) più capaci di reagire ai comportamenti degli utenti senza sprecare energia.

Inoltre, gli elettrodomestici Samsung si preparano presto a comportarsi in maniera intelligente sulla base delle caratteristiche dei consumi elettrici e delle tariffe, in un dialogo con il differenziale principale di casa: in questo senso Samsung ha annunciato una partnership già attiva con ABB e i risultati in chiave “smart grid” dovrebbero vedersi presto.

Già oggi, secondo i dati diffusi in conferenza stampa, i frigoriferi Samsung con AI Energy Mode garantiscono, a parità di prestazioni, un risparmio del 10% basato sull’analisi dello schema di utilizzo e di apertura delle porte, anche in termini di frequenza e orari, così da prevenire cadute di temperatura troppo alte che richiederebbero poi uno sforzo aggiuntivo per riportare il vano in temperatura in tempi rapidi. Ma sono già in vista evoluzioni, visto che Samsung ritiene che entro l’anno il risparmio potrà arrivare fino al 30% con l’implementazione di nuovi algoritmi di ottimizzazione della velocità del compressore e dei cicli di defrost e con un miglior controllo della temperatura interna. Il tutto per andare addirittura oltre le specifiche della sfidante classe A delle nuova etichetta energetica, che, sotto i colpi dell’evoluzione tecnologica, sembra già mostrare i primi segni di vecchiaia. Samsung ha dichiarato che tra i nuovi elettrodomestici della serie Bespoke, ci saranno alcuni modelli che avranno performance energetiche del 10% migliori di quanto richiesto dalla nuova classe A.

L’importanza della consapevolezza energetica degli utenti

La cosa che noi abbiamo trovato più interessante, in tempi in cui sui consumi degli elettrodomestici si sente dire tutto e il contrario di tutto, è la possibilità, che sarà inserita nei nuovi elettrodomestici Samsung, di controllare, anche in tempo reale, il consumo elettrico effettivo, direttamente dall’app SmartThings.

In fondo si tratta di una funzione assai facile per un elettrodomestico che oramai è totalmente a base elettronica e digitale; ma altrettanto utile per l’utente, che finalmente può rendersi conto davvero dei costi correlati alla gestione dei propri apparecchi e a come i cambiamenti di abitudini e nuove attenzioni possono determinare grandi risparmi, se proiettati sul medio periodo.

Questo è importante certamente per gli elettrodomestici a ciclo (come lavatrice e lavastoviglie) per i quali si può calcolare il costo di gestione a ogni lavaggio e quindi vedere quanto si può risparmiare. L’app, basandosi sulle abitudini di utilizzo, è anche in grado di proiettare i consumi effettuati stimando i consumi su base mensile.

Anche per gli elettrodomestici Samsung connessi di vecchia generazione, è stata comunque inserita la funzione di calcolo dei consumi nell’app, anche se su base stimata e non rilevata.

La linea Bespoke: dai frigoriferi a tutta la casa

Il nome Bespoke era stato utilizzato da Samsung inizialmente per la propria linea di frigoriferi personalizzabili e sembrava che l’impiego di questo marchio dovesse finire lì. Proprio per nulla: di fatto Bespoke diventa la linea più importante e sofisticata di elettrodomestici di Samsung (avevamo visto nei mesi scorsi le prime avvisaglie di questo ampliamento con l’aspirapolvere Bespoke Jet).

Sono in arrivo infatti la lavatrice e l’asciugatrice Bespoke AI (il suffisso si riferisce ovviamente all’impiego di intelligenza artificiale), il forno Bespoke AI e addirittura un’intera collezione top di gamma denominata appunto Bespoke Infinite line.

La lavatrice Bespoke AI è di fatto la sintesi di tutte le migliori tecnologie Samsung in tema di lavaggio: l’utilizzo della tecnologia Ecobubble; la sensoristica AI Wash che calcola l’impiego di detersivi, la quantità d’acqua e l’intensità del lavaggio sulla base della quantità e del livello di sporco dei capi (viene analizzata la trasparenza dell’acqua di primo risciacquo); il filtraggio delle microplastiche, già annunciato su altri modelli lo scorso anno; e le soluzioni SpaceMax che permettono alla lavatrice Bespoke di Samsung di avere un cestello più ampio pur nei classici 60 cm di ingombro, con una capienza addirittura di 11 kg.

A ottobre, poi, arriverà anche il forno Bespoke che porterà la cottura combinata caldo secco/vapore ai massimi livelli, con tutte le combinazioni possibili, dal solo vapore per una cottura super-sana, al calore umido nella prima parte della cottura per massimizzare l’alveolatura dei panificati per arrivare alla cottura che consente di avere l’esterno della pietanza croccante e l’interno sugoso.

Con un tocco in più: il getto di vapore viene usato anche a fine cottura, una volta estratta la pietanza, per un ciclo di autopulizia del vano.

© riproduzione riservata

Resta aggiornato sugli ultimi articoli di DDay.it

Smarthome

Commenti

 segui per ricevere le notifiche dei nuovi commenti

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.