genoa,-nessun-‘caso-coda’.-blessin:-“ha-lavorato-bene”-–-genova-24

Genoa, nessun ‘caso Coda’. Blessin: “Ha lavorato bene” – Genova 24

Genova. Genoa appaiato all’Ascoli in testa alla classifica di serie B dopo tre giornate. Sette punti maturati contro tre squadre che saranno protagoniste del campionato.

Contro il Pisa, che se l’è giocata a viso aperto e ha combattuto fino alla fine, si è visto come fuori casa probabilmente sarà un po’ più facile per i rossoblù sfruttare gli spazi, mentre nelle partite casalinghe sarà invece più complicato per l’atteggiamento più coperto degli avversari.

La terza giornata senza reti per Massimo Coda potrebbe diventare un caso, anche se l’attaccante ha fatto un assist al bacio per il gol di Ekuban ed è stato sostituito al 64′. Coda è costretto spesso a giocare molto lontano dalla porta, facendo anche un lavoro importantissimo anche senza palla. C’è da dire, però, che quando è uscito, anche lo stesso Ekuban non è più riuscito a giocare come prima, segno dell’importanza di un giocatore come lui pur non segnando. Blessin smorza subito la questione: “Ha lavorato benissimo, creato buone situazioni, ma quando parlo di rosa forte parlo di questo: lui lavora bene, ma a volte c’è bisogno di energie fresche”.

Blessin, per la terza volta di fila, si è affidato in partenza agli stessi undici e non cambia modulo, adattando solo Frendrup in corsa alla posizione sperimentata l’anno scorso. Ora occorrerà inserire i nuovi acquisti nel meccanismo per cercare di fare il salto di qualità alla squadra.

In questa partita il Genoa ha creato almeno quattro occasioni da rete, ma ha fatto fatica a creare superiorità numerica. Stavolta Gudmundsson non è stato ficcante come sabato scorso, tuttavia è bastato il gioiellino fabbricato da Coda ed Ekuban per portare a casa i tre punti. Tre punti pesanti, fieno in cascina in attesa di vedere qualche miglioramento a livello di costruzione dell’azione offensiva.

L’uscita di Coda e poi quella di Badelj hanno fatto faticare un po’ di più la squadra, anche se Badelj è stato di nuovo marcato praticamente a uomo, impedendogli di giocare e Blessin concorda sulla necessità di crescita da parte dei suoi giocatori: “Abbiamo giocato malissimo nei primi minuti, poi siamo entrati meglio in partita, ma non abbiamo creato ciò che mi aspettavo dalla squadra. Abbiamo recuperato tanti palloni, però sono stati ripresi velocemente, ci siamo fatti trovare scoperti. Dobbiamo migliorare sul possesso palla. Il Pisa è stato in partita tutti e novanta i minuti, in casa sono forti. Noi avremmo dovuto gestire meglio nel secondo tempo le azioni di contropiede, non è facile vincere qui”.

E non sarà facile vincere ogni partita: “Ci teniamo stretto il risultato”, dice Blessin. Sabato pomeriggio un’altra avversaria di livello: al Ferraris arriva il Parma.

Pisa-Genoa 0-1

30′ Ekuban

Genoa: Martinez, Hefti, Bani (89′ Ilsanker), Dragusin, Pajac, Portanova (64′ Jagiello), Badelj, Frendrup, Gudmundsson, Coda (86′ Yalcin), Ekuban (64′ Yeboah).

Allenatore: Blessin.

A disposizione: Semper, Vodisek, Sabelli, Czyborra, Vogliacco, Cassata, Kallon, Galdames.

Benevento: Paleari, Capellini, Glik, Barba, Letizia, Karic, Viviani, Acampora (76′ Tello), Masciangelo (80′ Foulon), La Gumina, Forte.

Allenatore: Caserta.

A disposizione: Manfredini, Lucatelli, El Kaouakibi, Farias, Thiam, Improta, Insigne, Talia, Pastina, Vokic.

Arbitro: Pezzuto di Lecce.

Ammoniti: Pajac, Portanova, Yeboah (G); Viviani, Capellini (B)

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.