genoa,-basta-ekuban-per-mandare-al-tappeto-il-pisa.-lo-0-1-dell

Genoa, basta Ekuban per mandare al tappeto il Pisa. Lo 0-1 dell

Soffre fino a quasi il sesto minuto di recupero il Genoa che però, alla fine, riesce a espugnare dopo oltre novant’anni con il minimo risultato un’Arena Garibaldi gremita e vestita a festa nel nome dell’ultradecennale amicizia tra le due tifoserie, suggellata dall’iniziale ricordo al capitano comune Gianluca Signorini.

Ekuban è l’uomo della svolta rossoblu in una gara che ripresenta subito il copione visto già col Benevento, con Badelj francobollato da Ionita per tagliare le fonti di gioco rossoblu, sceneggiatura di buona parte della stagione che attende i ragazzi di Blessin, c’è da scommettere. 

Ci pensa un’azione fulminea, un pallonetto di colui che quasi si potrebbe definire come l’emblema del momento genoano. Un colpo di qualità di un giocatore atteso con calma e pazienza dal tecnico, che sembrava poter essere in dubbio dopo i problemi fisici della settimana in corso e che invece ha retto quasi interamente il match. Le doti richieste dal mister alla vigilia.

E così è stato. Il Vecchio Balordo pare aver compreso l’essenza di questa Serie B gestendo meglio, con meno frenesia (forse non ancora sufficientemente però in determinati frangenti) le fasi soprattutto di non possesso, arrivando nel finale di gara a rischiare nei limiti l’assalto di un Pisa organizzato in apertura e poi focoso ma impreciso nella rifinitura negli ultimi minuti.

Lo 0-1 premia quindi il Genoa che può brindare a una vittoria che vale la testa della classifica a quota 7 in coabitazione con l’Ascoli, mantenendo (cosa forse più importante) l’imbattibilità. 

Sei un tifoso? Ti occupi di un club di tifosi? Sei un appassionato di calcio?

Contattaci: daremo spazio ai tuoi pareri, umori e commenti sul Genoa. Scrivi a redazione@lavocedigenova.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.