esce-il videoclip-di-“rebirth”,-l’ultimo-singolo-del-chitarrista-ligure-paolo-ballardini

Esce il videoclip di “Rebirth”, l’ultimo singolo del chitarrista ligure Paolo Ballardini

Imperia. Esce il 18 aprile il videoclip di “Rebirth”, il quarto singolo del progetto Ballard del chitarrista-compositore ligure Paolo Ballardini.

Aprile sembra provenire dal latino aperire ovvero aprire, schiudere. Il mese in cui si schiudono germogli e fiori e la primavera mostra tutto il suo splendore. Il momento  ideale per l’uscita del video di “Rebirth”, brano dedicato alla tematica della rinascita, che è stato pubblicato due mesi fa sulle principali  piattaforme digitali ottenendo un ottimo riscontro di pubblico specialmente negli appassionati di chitarra, progressive-rock e progressive-metal. È il quarto video da lui pubblicato ed anche questa volta si serve dell’immagine per dare forza alla sua musica ed esaltarne il messaggio. Il videoclip è un’estensione dell’opera che ne rafforza il significato simbolico. Il concetto di rinascita viene rappresentato da una sequenza suggestiva di immagini divise principalmente in due sezioni: la prima tra distruzione e abbandono e la seconda in spazi aperti e soleggiati a simboleggiare idealmente l’arrivo di un nuovo inizio.

«E’ una musica ispirata ad un capitolo particolare della vita di tutti noi, quando finalmente si esce dal buio, intravediamo un bagliore e troviamo rinnovate energie interiori che ci guidano verso una nuova stagione dell’anima» – spiega Paolo Ballardini a.k.a. Ballard. Il video verrà pubblicato lunedì 18 aprile e sarà visibile sul canale Youtube dell’artista. 

Ballard

Ballard è il mondo musicale di Paolo Ballardini, chitarrista di estrazione rock che in vent’anni di carriera ha sempre cercato di allargare i propri orizzonti musicali. Lavora come session-man in orchestre teatrali di musical (Pretty Woman, Mamma Mia!, Saturday Night Fever, ecc…) e televisive. In ambito progressive, dal 2016 è chitarrista di “Excalibur”, opera-rock dell’artista bretone Alan Simon; qui il contesto di contaminazione, con radici nel prog-rock più classico, gli ha dato la possibilità di condividere il palco con alcune icone come Martin Barre (JETHRO TULL), Michael Sadler (SAGA), Richard Palmer (KING CRIMSON), John Helliwell (SUPERTRAMP), Moya Brennan(CLANNAD) e molti altri.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.