direttiva-europea-sup:-addio-plastica,-al-bando-tutto-l’uso-e-getta.

Direttiva europea SUP: addio plastica, al bando tutto l’uso e getta.

Direttiva europea SUP: vietata la vendita di oggetti di plastica usa e getta. Entra in vigore la direttiva dell’ Unione Europea!

La Direttiva europea SUP è entrata ufficialmente in vigore. Notizia allarmante per l’Italia.

Negli ultimi mesi ed anni abbiamo visto aumentare sempre di più il commercio alimentare con servizio take away, grazie anche all’avvento della pandemia da Covid-19. Sempre più bar, pub, ristoranti ma anche semplici negozi di panini si sono dovuti uniformare e garantire il servizio take away, utilizzando imballaggi di plastica, solo i più visionari hanno utilizzato da subito il cartone.

Perché considerati più visionari? Perché la scadenza per l’uso libero della plastica per gli oggetti usa e getta è arrivato! E non ci ha messo poi tanto.

Già le grandi catene stavano sostituendo le cannucce, i cucchiai e i contenitori di plastica con il cartone, anche per abituare l’utenza un passo alla volta. Ma era una scelta, ora è diventato un obbligo. Infatti dal 3 Luglio 2021 è entrato in vigore la direttiva europea SUP (single use plastic), che bandisce ufficialmente l’uso della plastica usa e getta. Si possono vendere solo i prodotti presenti nel magazzino, la scorta.

L’Italia si è da subito schierata contraria ad inserire nella lista dei prodotti vietati alcuni oggetti: ovvero quelli con carta plastificata e quelli di plastica biodegradabile, in quanto quest’ultima nell’ambiente ha dei tempi di compostaggio nettamente inferiori a quella tradizionale. Ricordiamo che l’Italia risulta essere molto forte nell’industria della plastica compostabile e carta plastificata. Pertanto la posizione contraria è dettata anche da motivi economici che colpirebbe il nostro paese. La commissione europea si è impegnata a tenerne conto revisionando la prima stesura delle linee guida.

AssoCareNews.it

L’articolo Direttiva europea SUP: addio plastica, al bando tutto l’uso e getta. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *