da-che-parte-sono-le-celebrita-nel-processo-johnny-depp-contro-amber-heard?

Da che parte sono le celebrità nel processo Johnny Depp contro Amber Heard?

Continua il doppio processo per diffamazione tra Johnny Depp e Amber Heard. Prima l’attore ha fatto causa per 50 milioni di dollari alla ex moglie. Poi lei ha rilanciato per 100 milioni dollari, ribadendo di essere stata a sua volta diffamata quando l’ex marito le ha dato della bugiarda. La deposizione di Amber Heard in proposito si è conclusa il 20 maggio scorso. Entrambi hanno dichiarato in aula di essere stati vittime di abusi domestici da parte dell’ex partner.

Il processo, celebrato dalla corte nella contea di Fairfax, in Virginia, per ora ha come data del verdetto finale il 27 maggio 2022. Intanto, mentre l’analisi delle testimonianze continua, alcune star e personaggi pubblici, vicini a Johnny Depp o Amber Heard, hanno espresso il loro supporto verso una delle parti.

Amber Heard granted restraining order against Johnny Depp, says he abused her
Amber Heard e Johnny Depp ai tempi della loro relazione

I pareri delle star, colleghe, amiche o ex partner, sono tra i più differenti. In particolare emerge quello di Courtney Love, che ha mostrato il suo supporto nei confronti di Johnny Depp, empatizzando allo stesso tempo per la condizione in cui si trova Amber Heard.

La rockstar ha rilasciato una dichiarazione video tramite un tweet di una persona vicina poi cancellato, ma ripreso e visibile su YouTube, in cui dice che Johnny Depp le ha letteralmente salvato la vita: la prima volta facendole un massaggio cardiaco dopo un’overdose fuori dal Viper Room, il leggendario locale di Los Angeles in cui morì River Phoenix. E poi, quando aveva problemi di dipendenza dal crack, Johnny Depp avrebbe aiutato la figlia Frances Bean, accompagnandola a casa da scuola in limousine o a vedere con gli amici i film della serie dei Pirati dei Caraibi.

Oltre alla gratitudine verso Johnny Depp, Courtney Love empatizza per la difficile situazione mediatica di Heard, ricordando che lei stessa, a causa della morte di Kurt Cobain, che non menziona, è stata la “donna più odiata del mondo”. Detto questo, l’artista ribadisce che spera venga fatta giustizia.

Tra le celebri ex del mondo dello spettacolo entrate in campo a favore di Johnny Depp, ci sono Winona Ryder, oggetto del tatuaggio che causò una delle violente liti menzionate nel processo, e la ex compagna Vanessa Paradis, con cui Depp ha avuto due figli.

David Harbour and Winona Ryder react to that shocking 'Stranger Things 3' finale
Winona Ryder e David Harbour in ‘Stranger Things 3’

Winona Ryder, ora tra i protagonisti del cast di Stranger Things, in passato uno dei più grandi amori di Johnny Depp, con cui era fidanzata durante le riprese di Edward mani di forbice, ha riservato per l’ex, durante la causa del 2020 contro The Sun che l’aveva descritto uno “che picchia le mogli”, solo parole di difesa. Lo riporta l’Independent.

“L’idea che lui sia una persona incredibilmente violenta è la cosa più lontana in assoluto dal Johnny che ho conosciuto e amato”, ha dichiarato l’attrice, ribadendo di non aver mai visto Depp in atteggiamenti violenti verso di lei o chiunque altro.

Durante la stessa causa contro The Sun, che viene vista come un preludio alla recente causa contro Amber Heard, la ex compagna Vanessa Paradis ha ribadito, come riporta Just Jared, di aver conosciuto Depp per 25 anni, e di aver avuto una relazione con lui per 14, e di non aver mai avuto esperienza di nessun tipo di violenza: “In tutti questi anni ho conosciuto Johnny come una persona e un padre gentile, attento, generoso e non violento”.

Altre celebrità che lo sostengono sono Javier Bardem, Penélope Cruz ed Eva Green, protagonista con Depp del film di Tim Burton del 2013 Dark Shadows, che ha condiviso un post su Instagram di supporto al collega durante il processo in corso. E dice: “Non ho dubbi che Johnny emergerà davanti al mondo per il suo buon nome ed il suo cuore meraviglioso, e che la vita diventerà meglio di come sia mai stata per lui e la sua famiglia”.

Ci sono anche celebrità che sono dalla parte di Amber Heard. Anche se un suo ex illustre che avrebbe potuto difenderla, Elon Musk, CEO di Tesla e SpaceX, come abbiamo raccontato qui su Mashable, non si è presentato in tribunale.

 

Tra i sostenitori di Amber Heard c’è Julia Fox, modella e attrice, ex di Kanye West, che ha pubblicato su Twitter un post dove ha ribadito che all’epoca della relazione tra i due Heard aveva solo 25 anni, e chi deteneva “il potere”, “fisico ed economico”, era Johnny Depp.

Il tweet di Julia Fox

David Krumholtz, attore del drama NBC The Playboy Club, ha pubblicato delle stories su Instagram in cui dice che lui crede ad Amber Heard, e anche la comedian Kathy Griffin ha mostrato il suo supporto attraverso i social. Il famoso presentatore radio Howard Stern non ha sostenuto Heard, ma ha commentato durante un suo show che Johnny Depp “non sedurrà” l’America nel processo, che a suo avviso sarà molto negativo per entrambi.

L’attrice Ellen Barkin, che ha frequentato Johnny Depp negli anni ‘90, durante la causa che lui ha perso contro The Sun aveva dichiarato che Depp, in un eccesso di gelosia, aveva lanciato una bottiglia in una stanza d’albergo e che l’attore la controllava costantemente, riporta l’Independent. Depp ha risposto con una versione opposta della storia: che i due avevano un flirt instabile di tipo sessuale e che l’attrice, che voleva una vera relazione, non ha mai digerito la posizione distaccata di Depp.

Mentre il giudice e la corte della contea di Fairfax, in Virginia, si apprestano al verdetto finale il 27 maggio 2022, la temperatura si alza sui social: l’hashtag #teamjohnnydepp ha raggiunto 472 milioni di views su TikTok, e #justiceforjohnnydepp spopola tra chi lo sostiene su Twitter e sui social dall’inizio del processo. L’hashtag #teamamberheard, invece, arriva solo al milione di views su TikTok, dove invece è surclassato dall’hashtag che la condanna, #amberisaliar (Amber è una bugiarda), che registra 145 milioni di views.

Alcuni fan, però, assieme ad altri utenti, non possono evitare di notare la “memeification”, ovvero l’estenuante resa in meme che circola ormai online riguardo al caso, sin dal suo inizio nell’aprile 2022.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.