È stata attuata dalla Guardia di Finanza una mappatura socio economica della criminalità per migliorare e potenziare l’analisi di rischio nel contrasto all’evasione, alle frodi e al riciclaggio di denaro. Come riporta Il Sole 24 Ore, a inizio maggio il Comando Generale ha messo a punto una circolare e un manuale con ben sei fenomeni di analisi. Primo fra tutti è la cosiddetta ricchezza generata e le spese registrate. Grazie all’analisi dei dati le Fiamme Gialle riusciranno a stimare le provincie che presentano il più elevato rischio di evasioni fiscali. 

Il finto prete col reddito di cittadinanza in tasca: il gesto vergognoso prima della messa

In secondo luogo vi è l’analisi degli aiuti per l’emergenza sanitaria erogati da imprese e partita Iva. Qui verranno prese in considerazione le provincie nelle quali negli ultimi due anni si è concentrato il maggior numero di imprese che hanno ricevuto sussidi per fronteggiare la crisi causata dal Covid. Nel mirino della Guardia di Finanza sono finiti anche coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza e, nello specifico, tutte le percezioni indebite di tale sussidio statale. Le restanti tre analisi riguardano invece il rischio delle infiltrazioni mafiose nel tessuto imprenditoriale. Qui vengono…