confessa-un-amico-della-pornostar-charlotte-angie,-uccisa-e-sfregiata-a-brescia.-l’intervista-alla-“zanzara”

Confessa un amico della pornostar Charlotte Angie, uccisa e sfregiata a Brescia. L’intervista alla “Zanzara”

E’ un vicino di casa, amico e conoscente della vittima, l’uomo arrestato per l’omicidio della donna ritrovata cadavere, uccisa e fatta a pezzi a Borno, nel Bresciano, una settimana fa, la pornostar dal nome d’arte Charlotte Angie, vero nome Carol Maltesi, 25 anni. L’uomo, 43 anni, frequentava la giovane donna miilanese nota nel mondo dell’hard: avrebbe confessato l’omicidio durante un interrogatorio nella notte ai carabinieri. Nei suoi confronti è stato messo un provvedimento di fermo per i reati di omicidio volontario aggravato, distruzione e occultamento di cadavere.

L’omicidio di Carlotte Angie, pornostar milanese

L’assassino ha ucciso una donna, ha messo il corpo in un congelatore, poi l’ha fatto a pezzi e gettato in un dirupo. Il provvedimento è giunto al termine di serrate indagini condotte da Procura e Carabinieri dopo il ritrovamento, avvenuto il 20 marzo scorso, del corpo di una donna fatto a pezzi e gettato in un dirupo nelle montagne di Borno, in Valcamonica. Il ritrovamento è avvenuto grazie ad un cittadino del luogo che, accortosi della presenza di quattro bustoni neri, utilizzati per la spazzatura, ne aveva aperto uno, rinvenendo pezzi di cadavere umano ed in particolare, tra i pochi identificabili, una mano di donna. I carabinieri, prontamente avvisati dall’uomo, avviavano le indagini, rese molto difficili dalla totale assenza di elementi utili all’identificazione della vittima.

L’identificazione grazie ai tanti tatuaggi

Gli investigatori decidevano allora di pubblicare un comunicato nel quale si descrivevano alcuni tatuaggi ancora parzialmente visibili sul corpo della donna. La divulgazione del particolare consentiva ad alcune persone – anche residenti in altre regioni – di mettersi in contatto con i militari per comunicare loro che quei tatuaggi potevano appartenere ad una donna molto conosciuta negli ambienti del cinema porno.Identificata la donna, si appurava che l’auto, a lei in uso, era transitata domenica 20 marzo scorso, proprio in territorio di Borno, condotta da un uomo che a sua volta era risultato avere la disponibilità della auto stessa in quanto in precedenza controllato a bordo in precedenti circostanze. Nella giornata di ieri quest’uomo, amico e vicino di casa della vittima, si presentava ai carabinieri per fornire informazioni circa la donna scomparsa, offrendo circostanze che subito si rivelavano contraddette dalle emergenze investigative fino a quel momento acquisite. Il magistrato ed i carabinieri, che nel frattempo avevano raccolto elementi che collocavano l’uomo in territorio di Borno la mattina di domenica 20, lo sottoponevano ad una serie di contestazioni, anche in sede di formale interrogatorio, svoltosi nel corso della notte alla presenza del difensore.

L’ultima intervista della pornostar su Youtube e alla “Zanzara”

Charlotte Angie si stava facendo largo nel mondo del porno anche grazie alle ospitate radiofoniche e su Youtube, interviste piccanti ma anche ragionamenti di carattere sociale, come quello con il conduttore Cruciani alla “Zanzara” su Radio24. L’ultimo appuntamento sull’agenda di lavoro di Charlotte Angie era al Luxy Club, locale di lap dance e spogliarelli che condivide la stessa galleria del Teatro Elfo e della Feltrinelli a metà di corso Buenos Aires. Qualche giorno fa un fan aveva contattato la redazione del quotidiano online bsnews. it, sottolineando che le pagine pubbliche e private di Charlotte Angie non erano aggiornate da un paio di settimane.

Le interviste radio e web a Charlotte Angie

 

L’articolo Confessa un amico della pornostar Charlotte Angie, uccisa e sfregiata a Brescia. L’intervista alla “Zanzara” sembra essere il primo su Secolo d’Italia.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.