col-regime-di-putin-ritornano-in-voga-le-purghe-staliniane.-il-caso-di-ilya-yashin

Col regime di Putin ritornano in voga le purghe staliniane. Il caso di Ilya Yashin

Ilya Yashin, 39 anni, uno dei più giovani e brillanti politici dell’opposizione a Mosca, è un nuovo imputato in un procedimento penale in base alla legge sui “falsi militari”. Rischia fino a dieci anni di carcere per aver trasmesso su YouTube un programma in cui ha parlato delle atrocità commesse nello scorso marzo a Bucha.

Pochi giorni fa, il 27 giugno, tre agenti della polizia hanno arrestato Yashin in un parco di Mosca. È accusato di non aver mostrato i documenti di riconoscimento e di aver opposto resistenza alla polizia.Ilya Yashin ha trascorso quindici giorni in un centro di detenzione speciale. Doveva essere rilasciato ieri sera. Una vicenda che si è complicata e che è rimasta avvolta nel mistero fino all’ultimo momento. Questo è l’ultimo messaggio che il politico ha pubblicato sui suoi social: “All’1.20 dovrei essere rilasciato dal centro di detenzione speciale numero 2 di Mosca (Mnevniki). Forse, mi faranno uscire. O forse no. Chissà…” Il “miracolo” non è avvenuto.

L’arresto è diventato il prologo di un procedimento penale. In serata, inoltre, la polizia ha fatto irruzione nell’appartamento di Mosca di Ilya Yashin per effettuare una perquisizione.Yashin con coerenza ha assunto posizioni critiche nei confronti di Vladimir Putin. Per molto tempo è stato un alleato di un altro importante politico, Boris Nemtsov, ucciso a Mosca, qualche anno fa (Nemtsov è autore del libro “L’inafferrabile Russia. Confessioni di un ribelle”, Spirali, 2008, ndR). È anche amico del leader dell’opposizione Alexei Navalny. Fin dal primo giorno, anche Yashin ha iniziato a chiamare la guerra in Ucraina con il suo vero nome. Ecco cosa ha detto in una delle sue ultime trasmissioni su YouTube: «Non importa con quale parola Putin e il suo entourage coprano questi eventi, come una foglia di fico, timidamente, altrimenti non la chiamerebbero un’operazione speciale o utilizzerebbero qualche altro termine, come “denazificazione”, “smilitarizzazione”.

Questa è una guerra. Era chiaro fin dai primi istanti che si trattava di una guerra. Da quattro mesi assistiamo a questo orrore, da quattro mesi gli edifici vengono fatti saltare in aria, milioni di persone stanno fuggendo dalle loro case nella speranza di salvarsi.Un mare di sangue, un mare di lacrime e, sfortunatamente, la fine di questa guerra non si intravede». Ma andiamo alle accuse mosse nei confronti di Yashin. Se ne contano quattro in base alla normativa amministrativa riguardante il “discredito” nei confronti dell’esercito russo. Per questo motivo è stato già multato con 90mila rubli.Le autorità hanno fatto intendere che per lui è giunto il tempo di abbandonare la Russia. Ma Yashin, che si è dimostrato un uomo coraggioso, si è rifiutato sempre di farlo, sebbene fosse ben consapevole di tutti i rischi cui andava incontro. Le autorità stanno deliberatamente espellendo dal territorio nazionale tutti gli oppositori della guerra.Coloro che rimangono in patria e non restano in silenzio rischiano di essere anche perseguiti penalmente.

Il caso di Ilya Yashin è diventato il settantunesimo procedimento penale in base al nuovo articolo che prevede di punire chi parla male dell’esercito russo.Secondo l’avvocato Vadim Prokhorov, «il numero delle assoluzioni è ora molte volte inferiore rispetto ai tempi di Stalin». «In precedenza – aggiunge il legale -, i procedimenti penali, ai sensi della normativa sulla “propaganda antisovietica” e la “diffusione di informazioni deliberatamente false che screditano il sistema sovietico” avvenivano in udienze pubbliche. Ora invece si sta cercando di chiudere il più possibile le udienze in tribunale».

I processi del politico e giornalista Vladimir Kara-Murza e Alexei Gorinov si sono svolti parzialmente a porte chiuse. Forse, si cercherà anche di nascondere il processo di Ilya Yashin agli occhi dell’opinione pubblica. Tutto ciò fa intendere che le autorità hanno paura delle reazioni e delle proteste del popolo russo.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.