cna-imperia-ad-aromatica-2022,-il-cibo-e-la-cultura-agroalimentare-per-raccontare-il-territorio

CNA Imperia ad Aromatica 2022, il cibo e la cultura agroalimentare per raccontare il territorio

Diano Marina. Si è conclusa la fortunata esperienza di CNA Imperia ad Aromatica 2022 – Profumi e Sapori della Riviera Ligure, giunta alla sua nona edizione, che nello scorso fine settimana ha ospitato nell’accogliente centro pedonale di Diano Marina le tipicità del ponente ligure, e non solo, che annoverano tra i loro ingredienti le erbe aromatiche.

«CNA ha partecipato con grande entusiasmo a questa importante manifestazione», commenta Luciano Vazzano, Segretario territoriale di CNA Imperia. «Ad accompagnare la nostra presenza, uno spazio espositivo e di degustazione pensato per permettere ai visitatori di conoscere e gustare le produzioni tipiche locali fornite da imprese artigiane e agricole di fama ed esperienza aderenti alla CNA di Imperia».

«Innanzitutto, con gratitudine ci rivolgiamo al Sindaco di Diano Marina, Za Garibaldi, ed alla Gestioni Municipali Spa, che ci hanno riservato un’apprezzatissima accoglienza». E continua, «Il progetto è nato in sinergia con l’Associazione Produttori Lavanda della Riviera dei Fiori per valorizzare il capitale umano e culturale che il nostro territorio è capace di esprimere, un esempio concreto di compartecipazione alla realizzazione di un obiettivo comune: raccontare la storia di una terra attraverso ciò che l’ha resa negli anni riconoscibile e ha concorso a formarne l’identità».

È con orgoglio che CNA ha presentato le prelibatezze del Biscottificio Gibelli, che da tre generazioni a Vallecrosia produce specialità dolciarie liguri seguendo le ricette tramandate nel rispetto della tradizione e genuinità, ed i sapori della memoria offerti dai Canestrelli di Taggia del tradizionale e storico forno Sandro Canestrelli di Alfio Rossello; e poi il prezioso zafferano e le produzioni con il pregiato “Oro Rosso della Valle Argentina” delle Delizie di Ba’ di Barbara Cardone, l’olio extra vergine di oliva, prodotto rigorosamente con olive taggiasche, dell’Antico Frantoio Saguato di Diano San Pietro, fino ai profumi della Cipolla Egiziana Ligure dello chef contadino Marco Damele, e l’inconfondibile aroma dell’oro di Vessalico, l’aglio, un’eccellenza agroalimentare ligure, tipica del piccolissimo Comune dell’Alta Valle Arroscia.

Gusto, ma anche artigianato artistico e creativo con il prezioso supporto di Barbara Paderni e le composizioni floreali del suo Laboratorio Fiur di Via Cascione a Imperia, uno scrigno di colori che ha impreziosito e colorato ancor di più lo spazio allestito.

Profumatissimo poi lo spazio dedicato al progetto Lavanda della Riviera dei Fiori®, che dai laboratori della San Pietro Lab di Diano San Pietro ha presentato tutta la linea dedicata alla lavanda e la vasta gamma di prodotti naturali ed un piccolo assaggio delle produzioni proposte dall’apicoltura Chamalou del giovane Lorenzo Pagnini, che ha presentato tutta la sua vasta produzione di miele, grappe aromatizzate e idromele.

E dall’incontro di aromi, un tuffo nel mondo dei sapori grazie agli appuntamenti di degustazione al profumo e gusto di Lavanda della Riviera dei Fiori, quali la focaccia alla lavanda della Panetteria Lanini di Diano Marina o la proposta di inusuali accostamenti come la sfida lanciata ai titolari de Il Caffè del Caprice, che hanno coniugato con grandissimo successo i sentori della lavanda con quelli del caffè. Ed ancora protagonisti i profumi delle quattro province della Liguria: la Lavanda per Imperia, il chinotto per Savona, i limoni per le Cinque Terre ed il basilico per Genova avvolti dalla delizia del cioccolato con la presentazione di Massimo Migliaro di Dolcezze di Paganini di Genova e le sue apprezzate “fregugge”, assaggi di Liguria.

Per concludere poi con un crescendo di sapori, la creazione della chef Paola Chiolini de La Balena Bianca di Vallecrosia che, in onore della manifestazione Aromatica 2022, ha proposto un piatto nel pieno rispetto della stagionalità delle materie prime locali: “Crema di trombette e maggiorana con Gambero Rosa locale guarnito con perle d’olio al basilico e Rose caramellate”, una esplosione di aromi e profumi in una tavolozza di colori.

«Aromatica ha rappresentato il perfetto palcoscenico in cui il cibo, gli aromi e la cultura agroalimentare sono diventati narrazione del nostro territorio. Ed è per questo che il nostro intervento alla manifestazione è stato occasione per il lancio del nostro nuovo Sportello Agricoltura perché la nostra Associazione intende supportare l’attività di imprenditori e imprenditrici che operano nel settore dell’agricoltura impegnati a valorizzare la qualità e la tipicità dei prodotti che raccontano le tradizioni e la cultura della nostra terra», continua Vazzano.

«I prodotti agroalimentari, soprattutto quelli rappresentati dalle antiche produzioni, sono parte del nostro patrimonio culturale e delle comunità che li realizzano: sostenere le nostre aziende – conclude Vazzano – significa rappresentare quei produttori di eccellenza che formano l’identità del Ponente ligure, promuovendo il rispetto e la cura delle materie prime», conclude.

«Da parte di tutta l’Associazione, un doveroso ringraziamento ai numerosi esponenti delle Istituzioni che hanno voluto farci un saluto, ai nostri partner ed a tutti gli imprenditori, il cui contributo è stato fondamentale per la partecipazione a questo prezioso evento. Un grazie infine al conduttore Gianni Rossi, che si è reso nostro “complice” nell’organizzazione dei momenti di presentazione».

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.