chiara,-oss:-“il-lavoro-usurante-non-verra-mai-riconosciuto-nella-realta-lavorativa-a-noi-operatori-socio-sanitari”.

Chiara, OSS: “il lavoro usurante non verrà mai riconosciuto nella realtà lavorativa a noi operatori socio sanitari”.

Ci scrive Chiara Vedovato, Operatori Socio Sanitari: “il lavoro usurante non verrà mai riconosciuto nella realtà lavorativa a noi OSS”.

Egr. Direttore,

salve; vi segnalo un vostro articolo che non corrisponde alla realtà. Il lavoro usurante non verrà riconosciuto a nessuno viste le notti all’anno conteggiate per poterlo ottenere; non si riuscirà a fare neanche con turno regolare (M-P-N-smontante Riposo, M-P-N-smontante Riposo); ma vogliamo parlare del lavoro gravoso?

Un collega infermiere ha scontato 2 anni di lavoro gravoso (almeno tre anni con turno notturno negli ultimi cinque), è andato in pensione a 61 anni invece che 63. Peccato sia riconosciuto solamente agli infermieri ed alle ostetriche, come se noi non lavorassimo fianco a fianco a queste figure.

Adesso ci si inventa il “Super-OSS” (con 400 ore ore di formazione extra) nelle RSA/Case di riposo; non si pensa minimamente di proporlo nelle Aziende sanitarie visto che moltissimi OSS attendono il riconoscimento dalla regione di appartenenza che ha indetto il suddetto corso pur sapendo che mai sarà riconosciuto (avanzo 500 euro dal 2005…).

Voi ed i sindacati state facendo ben poco per non dire niente nei confronti degli OSS. In allegato il vostro articolo:

ULS: “il lavoro usurante caro Speranza deve essere riconosciuto per tutti e non solo per Infermieri e OSS del Pronto Soccorso”.

Saluti.

Chiara Vedovato, OSS

L’articolo Chiara, OSS: “il lavoro usurante non verrà mai riconosciuto nella realtà lavorativa a noi operatori socio sanitari”. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.