blessin:-«contento-per-il-risultato,-ma-c'e-tanto-da-fare-per-il-gioco»-–-pianetagenoa1893

Blessin: «Contento per il risultato, ma c'è tanto da fare per il gioco» – PianetaGenoa1893

Blessin Genoa
Mister Blessin (foto di Genoa CFC Tanopress)



«Per essere chiari, nei primi 20 minuti abbiamo giocato malissimo». Alexander Blessin non ha usato mezzi termini nella sala stampa dell’Arena Garibaldi: è contento per il risultato e per il primo posto in classifica, ma non per gli aspetti del gioco della squadra. «Abbiamo recuperato tanti palloni, ma il problema era che li abbiamo persi velocemente e ci siamo fatti trovare alcune volte scoperti. Martinez con le sue parate è stato bravo a tenerci in gioco, ma dobbiamo migliorare nel possesso palla».

GESTIONE MIGLIORE DELLA GARA – «Avremmo dovuto colpire nel secondo tempo in contropiede. C’è da gestire meglio: abbiamo tenuto a galla il Pisa. Però c’è da sottolineare che non è facile vincere qui».

IN TESTA ALLA CLASSIFICA – «Sono solo tre partite. C’è da migliorare ancora tanto: ripeto ancora che non è facile vincere a Pisa, siamo stati bravi, dobbiamo lavorare, ma ci teniamo stretti questa vittoria».

MARCATURE AD UOMO AVVERSARIE – «E’ successo anche col Benevento che abbiamo sofferto poiché ci hanno chiuso al centro e ci hanno lasciato giocare sulle fasce. Contro il Pisa nel primo tempo abbiamo fatto fatica soprattutto sulle seconde palle: è andata meglio nella ripresa, quando i giocatori del Pisa facevano fatica a difendere la profondità. I difensori centrali hanno disputato una buona gara. Abbiamo bisogno di tutti: dunque, nessuno si deve arrabbiare se non gioca o se lo faccio uscire anzitempo perché la stagione è lunga».

CAMBIO GIOCO – «L’ho detto all’inizio della partita: se da una parte siamo chiusi, bisogna girare e cambiare gioco. Abbiamo fatto fatica nel primo tempo, troppi lanci lunghi».

TERZO CAMBIO PER CODA – «Coda ha lavorato bene. Quando parlo di rosa forte, alludo a questo. In quel momento ho voluto dare un cambio per dare più energia alla squadra, Coda ha fatto bene e ha partecipato all’azione del gol».

EKUBAN – «Ekuban lavora per la squadra: sono contento per lui, anche perché nelle scorse settimane ha sentito dolori. L’ho visto sorridere questa settimana per la prima volta non accusava dolori: non voglio però parlare di un singolo giocatore».

COSA FARE IN FUTURO – «La lettura del gioco sarà molto importante per le prossime partite: se l’avversario ci chiude centralmente bisognerà passare sulle fasce e viceversa. E’ importante che abbiamo vinto in trasferta due partite: come ho detto all’inizio, bisogna migliorare il palleggio tra di noi».



Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.