biden-cita-wojtyla:-«non-abbiate-paura».-e-poi-attacca:-«putin-non-puo-rimanere-al-potere»

Biden cita Wojtyla: «Non abbiate paura». E poi attacca: «Putin non può rimanere al potere»

Il presidente degli Stati Uniti a Varsavia: «La Russia sta strangolando la democrazia e vuole farlo non solo in casa sua. Prepariamoci ad una lunga battaglia per la libertà»

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha aperto il suo discorso a Varsavia facendo riferimento al messaggio di Papa Giovanni Paolo II, nato in Polonia, all’Unione Sovietica nel 1979. «Non abbiate paura – ha affermato -. Siamo emersi di nuovo nella grande battaglia per la libertà, una battaglia tra democrazia e autocrazia, tra libertà e repressione. In questa battaglia, dobbiamo essere lucidi. Questa battaglia non sarà vinta tra giorni o mesi. Dobbiamo prepararci per la lunga battaglia che ci aspetta», ha affermato Biden fuori dal Castello Reale.

Un intervento accompagnato dagli applausi quando Biden ha fatto riferimento agli ucraini presenti tra la folla a Varsavia.

«Ora nella perenne lotta per la democrazia e la libertà, l’Ucraina e il suo popolo sono in prima linea, combattendo per salvare la loro nazione, e la loro coraggiosa resistenza fa parte di una lotta più ampia per i principi democratici essenziali che uniscono tutte le persone libere – ha affermato -. Il mio messaggio al popolo ucraino è un messaggio che ho consegnato oggi al ministro degli Esteri e al ministro della Difesa ucraino, che credo siano qui stasera: siamo con voi. Punto».

Negli ultimi 30 anni, ha affermato il numero uno della Casa Bianca, «le forze dell’autocrazia sono rinate in tutto il mondo. Le sue caratteristiche sono familiari: disprezzo per lo stato di diritto, disprezzo per la libertà democratica, disprezzo per la verità stessa. Oggi, la Russia ha soffocato la democrazia e ha cercato di farlo altrove, non solo nella sua patria. Con false affermazioni di solidarietà etnica, ha invalidato le nazioni vicine. Putin ha il coraggio di dire che sta “denazificando l’Ucraina”. È una bugia. È semplicemente cinico. Lo sa. Ed è anche osceno. Il presidente Zelensky è stato eletto democraticamente. È ebreo. La famiglia di suo padre è stata spazzata via dall’Olocausto nazista. E Putin ha l’audacia, come tutti gli autocrati prima di lui, di credere che sta facendo la cosa giusta», ha aggiunto.

Biden ha quindi fatto riferimento al presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, secondo cui «il diritto fa potenza», per poi commentare le critiche di Putin alla Nato. «Un criminale vuole ritrarre l’allargamento della Nato come un progetto imperiale volto a destabilizzare la Russia. Niente è più lontano dalla verità. La Nato è un’alleanza difensiva. Non ha mai cercato la fine della Russia». Quella di Putin, ha aggiunto, «non è altro che una sfida diretta all’ordine internazionale basato sulle regole stabilite dalla fine della seconda guerra mondiale, e minaccia di tornare a decenni di guerra che hanno devastato l’Europa prima che l’ordine internazionale basato sulle regole fosse messo in atto. Non possiamo tornare a quello. Non possiamo», ha detto, annunciando nuove sanzioni e altre azioni economiche contro la Russia.

Biden ha poi affermato che gli Stati Uniti si sono impegnati a rispettare gli obblighi di protezione collettiva stabiliti nella Carta della Nato, «con tutta la forza del nostro potere collettivo». Ma poi ha escluso un coinvolgimento diretto nel conflitto. «Le forze americane non sono in Europa per entrare in conflitto con le forze russe, le forze americane sono qui per difendere gli alleati della Nato», ha affermato.

Per il presidente Usa, Putin non dovrebbe più essere il leader del suo paese. «Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere», ha concluso.

Sfoglia il giornale di oggi

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.