amici,-valerio-pino-contro-la-tv-italiana:-“attori-amanti-dei-manager”

Amici, Valerio Pino contro la tv italiana: “Attori amanti dei manager”

Valerio Pino, ex ballerino di Amici, è stato ospite del programma spagnolo Salvame e si è scagliato contro la tv italiana. Stando a quanto sostiene il danzatore, nel mondo dello spettacolo nostrano lavorano soltanto personaggi che hanno raccomandazioni o rapporti intimi con produttori, manager e politici. 

Valerio Pino contro la tv italiana

Sono anni che Valerio Pino non appare più sul piccolo schermo nostrano. Il ballerino, ex talento di Amici, è stato ospite dello show spagnolo Salvame e ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino dalle scarpe.

Stando a quanto raccontato, non ha più lavortato nella tv italiana perché non ha raccomandazioni o intrecci amorosi. Ha tuonato: 

“Sì è vero che da molto non appaio in tv. In Italia siamo arrivati ad un punto orribile. In Italia in tv non posso dirlo, ma qui per fortuna sì, perché c’è più libertà di dire le cose. Se non hai qualcuno dietro nel mio paese natale non fai niente. Se non vai con un produttore, un imprenditore o un regista che lavora in tv non fai nulla”. 

Valerio Pino contro la tv italiana: le accuse

Valerio non ha alcun dubbio e ha lanciato pesanti accuse. A suo dire, gli sono state chiuse le porte perché non ha accettato di andare a letto con persone potenti. Ha proseguito: 

“Sono 10 anni che non lavoro nella tv italiana. In Italia se non hai un politico che ti piazza nel posto giusto non vai da nessuna parte. Non vale soltanto per la tv, ma anche per il cinema italiano. Ci sono attori famosissimi in Italia che sono amanti dei loro manager o di produttori e nell’ambiente lo sappiamo”. 

Pino non ha fatto nomi, ma ha sottolineato che nell’ambiente del mondo dello spettacolo tutti conoscono questo tipo di ‘contratti’. 

Valerio Pino contro la tv italiana: le porte sono chiuse

L’ex ballerino di Amici ha concluso, sottolineando che nella tv italiana gli hanno messo “il bavaglio” e che le sue accuse vengono accolte solo dalle riviste. Ha dichiarato: 

“Le cose sono degenerate, se adesso vuoi fare un programma tv in Italia devi seguire una strada specifica. Nel mondo dello spettacolo in Italia c’è un’ipocrisia molto grande. Tanti non possono nemmeno dire che sono gay. Se adesso le cose sono cambiate rispetto a prima? Sì, ma in peggio. Lotto contro questo sistema da 10 anni, qui posso parlare, in Italia mi mettono il bavaglio, soltanto le riviste mi contattano per parlare, in tv no”. 

Possibile che tutti i personaggi del mondo dello spettacolo debbano seguire questa “strada specifica“? Si attendono repliche. 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *