a-olbia-nasce-lo-yacht-club-cala-dei-sardi:-tra-i-soci-fondatori-tania-cagnotto-e-vincenzo-montella

A Olbia nasce lo Yacht Club Cala dei Sardi: tra i soci fondatori Tania Cagnotto e Vincenzo Montella

A Olbia, nella Giornata del Mare e della Cultura marinara, è nato lo Yacht Club Cala dei Sardi, su iniziativa di Simone Morelli, patron del Marina Cala dei Sardi

Yacht Club Cala dei Sardi

Simone Morelli con Gianfranco Bacchi (seduto), ex comandante di Nave Vespucci

Nel Golfo di Cugnana, alle porte della Costa Smeralda, è nato lo Yacht Club Cala dei Sardi, che si presenta agli appassionati di vela e di mare con il chiaro intento di promuovere il territorio, la sostenibilità ambientale e il rispetto per gli oceani.

L’iniziativa è di Simone Morelli che dello Yacht Club è il presidente onorario e che ha scelto la data simbolica dell’11 aprile, la Giornata del Mare e della Cultura Marinara, per dare vita a questo nuovo sodalizio. Nel corso della mattinata oltre 50 bambini delle scuole elementari hanno veleggiato nel Golfo di Cugnana per sviluppare il concetto di ‘cittadinanza del mare’ e di tutori della sua conservazione e della sua cultura.

Morelli, patron del Marina Cala dei Sardi, in provincia di Olbia, ha voluto infatti rendere questo importante appuntamento annuale sancito dall’Articolo 52 del Codice della Nautica da diporto, che ha il patrocinio del Ministero per la Transizione Ecologica e l’interesse del Ministero della Salute, MURe ANVUR, la base di partenza del neonato Yacht Club.

L’idea cha ha dato il via alla nascita dello Yacht Club – racconta lo stesso Morelli – è quella di un polo sportivo che possa creare aggregazione tra uomini e donne di mare, formare atleti e portare il nome di Olbia e della Sardegna nel mondo. Marina Cala dei Sardi vuole essere una base nautica attiva tutto l’anno grazie all’organizzazione di manifestazioni veliche e promozione degli sport acquatici in generale, oltre che con eventi volti alla sensibilizzazione della tutela dell’ambiente marino. Cala dei Sardi nasce infatti dalla visione di voler offrire una struttura eco compatibile dotata di ormeggi sicuri e protetti, un approdo diverso dal solito e unico nel suo genere“.

Tra i soci fondatori, nomi celebri del mondo dello sport e della marineria italiana come l’olimpionica Tania Cagnotto, unica italiana ad aver vinto una medaglia d’oro mondiale nei tuffi, Vincenzo Montella, ex calciatore ricordato per aver segnato il maggior numero di doppiette consecutive in Serie A ed oggi allenatore dell’Adana Demirspor, e l’ex comandante dell’Amerigo Vespucci Gianfranco Bacchi, appassionato velista che lo scorso anno ha replicato, a distanza di 55 anni, la tanto famosa quanto difficile manovra di attraversamento del canale di Taranto compiuta dall’Ammiraglio Agostino Straulino nel 1965.

Il neo consiglio direttivo è già al lavoro per la richiesta di affiliazione alla Federazione Italiana Vela – annuncia il presidente onorario dello Yacht Club Cala dei Sardi – e già da quest’anno intendiamo organizzare eventi di alto livello, oltre che collaborare con le principali realtà del territorio”.

Alla guida tecnica dello Yacht Club, come presidente del consiglio direttivo, Alessandro Balzani, giornalista e noto velista. “Questo nuovo Club – spiega Balzani – nasce con l’obiettivo di rafforzare il grande lavoro svolto negli anni per far diventare Cala dei Sardi un punto di riferimento nella nautica e al tempo stesso per guardare al futuro“.

Con lui, nell’organo dirigente, Eugenio Basciu, Stefano Pilia, Stefano Parolin e Carlotta Morelli. Come ogni Yacht Club è stato presentato anche il guidone sociale, rappresentato da una porzione di rosa dei venti a quattro punte, inserita nel triangolo della bandiera su sfondo celeste, con al centro un tondo di colore giallo ocra.

Alla festa hanno partecipato importanti personalità come il conte Luigi Donà Dalle Rose, fondatore di Porto Rotondo, ed il sindaco di Olbia Settimo Nizzi, che ha rimarcato l’importanza di iniziative di questo genere. Erano inoltre presenti le autorità militari del territorio e non sono mancati alcuni campioni della vela sarda.

Il progetto dello Yacht Club nasce a seguito dei recenti lavori di rinnovo del Marina di Cala dei Sardi, che è considerato il più grande approdo galleggiante eco-compatibile della Sardegna. I lavori hanno riguardato, in particolare, l’integrazione delle strutture a mare con dei frangiflutti, moduli galleggianti in grado di proteggere il porticciolo dalle mareggiate provenienti da nord-est.

L’intervento, concesso dalla Regione Sardegna e finanziato dal Gruppo BBC Iccrea, garantisce ormeggi protetti dal vento e dal mare, con la possibilità di allungare la stagione, intercettare nuovi flussi di turismo nautico e far vivere la base anche durante i periodi freddi con eventi velici e attività di scuola vela. I presupposti, quindi, ci sono tutti, per una buona partenza all’insegna della grande vela e per una stagione che già si preannuncia carica di eventi di prim’ordine.

Potrebbe interessarti anche

Cronaca

  • Foto
  • 28 Luglio 2021

La Guardia di Finanza ha denunciato il comandante di uno yacht australiano per aver occupato abusivamente un tratto di spiaggia dell’Isola di Mortorio, una zona protetta dal Parco Nazionale di La Maddalena

Mercato nautica

  • 27 Luglio 2021

Il Lagoon 55 in vetrina al Marina Cala dei Sardi: nel fine settimana dal 30 luglio al 1° agosto è possibile scoprire in anteprima, anche con prove in mare, il nuovo catamarano da 17 metri

Ambiente

  • 20 Luglio 2021

Lo Yacht Club Porto Rotondo ha assegnato il “Premio Guidone Azzurro”, riconoscimento che ogni anno premia chi si distingue per azioni virtuose a favore dell’ambiente marino

Cronaca

  • 19 Luglio 2021

Nel fine settimana Nave “Amerigo Vespucci” è rimasta alla fonda in Costa Smeralda, nel Golfo di Cugnana, tra i super yacht. L’equipaggio ha visitato il marina di Cala dei Sardi

Cronaca

Incidente durante l’ormeggio nella zona 16 del porto di Savona: Costa Smeralda è entrata in contatto con una gru di terra e ha perso una scialuppa in mare a causa del cedimento di un verricello

Cronaca

Secondo un’indiscrezione di Dagospia, la Rai starebbe pensando di isolare il pubblico dell’Ariston e il cast artistico a bordo dell’ammiraglia di Costa Crociere ormeggiata in rada a Sanremo, per evitare contatti con l’esterno

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.